Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

02 Ago
Vota questo articolo
(0 Voti)

Qualità di un libro: decide il lettore o l'esperto?...

Qualità di un libro: decide il lettore o l'esperto?... © Olivier Le Moal

Si sente spesso parlare i critici di buoni libri, ma che magari nessuno compra, o di successi letterari che vengono tenuti poco in conto dagli esperti. A chi tocca il compito di decidere se un libro è un buon libro?

Negli anni della crisi economica e del quinquennio più nero per le vendite in libreria dei romanzi, è necessario fare affidamento su libri che siano di un livello qualitativamente elevato e che, contemporaneamente, riescano a far presa sul pubblico a tal punto da garantire, all’editore e alla casa editrice, almeno la copertura delle spese per la pubblicazione dell’opera. Il successo stesso degli ebook e del self-publishing pongono sempre più la questione di elevare l’aspetto qualitativo dell’offerta editoriale, ma in questi stessi anni, però, emerge sempre più la discordanza tra quelli che sono i pareri dei cosiddetti “critici”, rispetto a quelli che sono i gusti del pubblico. Un pubblico che, ovviamente, è meno esigente dei primi sotto certo aspetti (grammatica, sintassi, tematiche affrontate), ma che vuole storie vere, verosimili e intriganti, che lo facciano evadere dal contesto sociale un po’ troppo degradato e assuefatto da stereotipi e cliché troppo ben annidati nel nostro stile di vita.

Mi riferisco ai successi come, ad esempio, quelli della trilogia delle sfumature oppure al libro di Melissa P. (“100 colpi di spazzola”), nonché ai tanti ricettari di cuochi televisivi e simili.
Tutte opere che di certo non hanno interessato la simpatia della critica, ma che altrettanto certamente hanno garantito la sopravvivenza di molte librerie e del fenomeno editoriale stesso, con picchi di vendite molto alti.
Libri che sono stati, quindi, apprezzati dal pubblico, voluti dagli editori, ma bocciati dagli esperti.
Chi ha ragione? Chi, tra i tre soggetti dell’editoria mondiale, può vantare il diritto/onere di asserire se un libro è buono o non merita di essere chiamato come tale?
Per quanto riguarda gli editori, il loro ruolo era, è e resterà fondamentale perché rappresentano il filtro tra ciò che è un semplice manoscritto e che resterà chiuso, come un sogno, nel cassetto e ciò che invece potrà arrivare sul mercato e tra le mani dei lettori. Il loro compito è dunque gravoso, ma necessario, per evitare spiacevoli esperienze ai lettori.
Sono molti, invece, i casi, anche al di fuori della letteratura, in cui i critici sono stati spesso contestati. Basta ricordare i “fallimenti” musicali (se così vogliamo chiamarli) di Vasco Rossi, Mia Martini, Zucchero e quanti altri al Festival di Sanremo. Giunti ultimi o comunque non vincitori con capolavori della musica italiana, e che poi hanno sbancato alle vendite non con un solo album, non con un solo pezzo, ma con decine di brani e canzoni che hanno senz’altro migliorato il livello qualitativo della nostra musica.
Allora, dunque, non è la critica che può valutare il livello di un’opera? Sembrerebbe di no, ma di certo, se esistono degli esperti, è sempre giusto affidarsi ai loro consiglio. Tanto poi, si sa, l’abbaglio è dietro l’angolo… e i gusti sono gusti.
Resta valida, ad ogni modo, la strada che porta a dire che “il pubblico è sovrano”, perché alla fine va avanti e viene premiato chi riesce a fare colpo davvero sulle persone, chi arriva alla loro anima e… al loro portafoglio, sbancando il botteghino.

 

 

 

Venerdì, 02 Agosto 2013 | di @Dario D’Auriente

2 COMMENTI

  • Link al commento Chiara inviato da Chiara

    I critici forse dovrebbero immedesimarsi di più nei lettori, cercare di capire meglio cosa vogliono leggere, cosa "va" per la maggiore in un dato periodo.
    I lettori (qui tolgo il forse, perché ne sono più che convinta) dovrebbero imparare ad apprezzare un po' di più l'italiano corretto, la bellezza di una frase scritta in grazia di Dio e di un testo che abbia quantomeno una certa quantità di stile. Ahimé temo sia una chimera...
    C'è poi il problema che più passa il tempo, più i lettori sembra che si "accontentino" di storielle, delle solite cose, dei soliti personaggi e dei soliti intrecci: si banalizzano gli interessi, di conseguenza si banalizzano i prodotti nati per essere loro venduti!

    Per quanto riguarda me, sinceramente mi son rotta un tantino le scatole di leggere trame potenzialmente avvincenti, entusiasmarmi, leggere le prime pagine e ritrovarmi assolutamente delusa dal modo in cui la storia è stata scritta. O l'esatto opposto: storie scritte come si deve, ma di una noia indescrivibile!
    Il che è anche la ragione prima per cui giorni fa sono uscita di casa con Caronte che scioglieva l'asfalto, ho arrancato fino in libreria e ho fatto mio un utilissimo lettore ebook; ora mi leggo venti pagine d'anteprima, così lo scopro PRIMA di spendere i miei soldi se sono solo commercialate o se vale la pena aprire il portafogli.

    Lunedì, 05 Agosto 2013 17:13
  • Link al commento Isabella Scotti inviato da Isabella Scotti

    Forse i critici, a volte, son0 un pò troppo presi di sè nel dare giudizi, o debbono per forza fare da'' bastion contrario'', denigrando un'opera che, magari incontrando come dici tu il favore del pubblico, tira molto. Comunque affidiamoci a chi sicuramente ne sa di più sempre seguendo storie o argomenti che più interessano la nostra curiosità. Ps vieni a visitare il mio blog se ti fa piacere

    Lunedì, 05 Agosto 2013 09:10

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)