Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

17 Mag
Vota questo articolo
(0 Voti)

Venerdì 17, superstizione dietro al… libro

Venerdì 17, superstizione dietro al… libro © Little sisters

Per molti autori non fa differenza presentare il proprio romanzo di venerdì 17. Più scettici i lettori che, se fossero scrittori, rinvierebbero la data per non rischiare la carriera

In Giappone è il 4 a non portare bene, nei paesi anglosassoni è il venerdì 13 ad essere un giorno da cancellare sul calendario. Qui in Italia, invece, è la giornata di oggi ad essere nefasta: il venerdì 17. Ogni superstizione, si sa, è figlia di irrazionalità, di non logico e incomprensibile. Eppure, è quasi sempre legata a eventi storici, cioè realmente accaduti. Perché, allora, il venerdì 17 è un giorno “sfortunato” per la nostra cultura?

Sono molte le motivazioni che spingono a pensare che questa data non sia tra le più favorite dalla sorte. Il venerdì è, per i cristiani, il giorno della morte di Gesù e quindi giorno ovviamente nefasto. E ancora, venerdì 13 (da qui la diversità con America e Gran Bretagna) ottobre del 1307 il re francese Filippo il Bello diede l’ordine di iniziare lo sterminio dei templari per estirparne le laute ricchezze.
Il 17, invece, è compreso tra i quadrilateri  perfetti 16 e 18 e quindi, secondo la scuola pitagorica, è un numero imperfetto. Sempre il 17, in numeri romani, appare come XVII, che anagrammato diventa VIXI, tradotto “vissi”, ovvero ora sono morto. Il 17 febbraio poi, per la sacra Bibbia, iniziò il diluvio universale.
Siete ancora convinti che venerdì 17 non “porti male”?
Probabilmente sì, ma magari il dubbio è iniziato a venire e un piccolo amuleto a portata di mano, o un cornetto rosso, o qualche strano scongiuro non potranno che aiutarci.
Siete poi lettori e lettrici superstiziosi? O scrittori e scrittrici emergenti pronti alla pubblicazione della propria opera prima proprio in questa data?
Come vi comportereste se la vostra casa editrice vi chiedesse di presentare il libro proprio oggi?
Andreste a comprare un libro di venerdì 17? O scegliereste di inviare il vostro manoscritto ai vari editori, sperando nella pubblicazione del libro?
Ecco cosa ne pensano alcuni lettori e scrittori.
“Non avrei problemi a presentare un libro di venerdì 17 – ha spiegato lo scrittore, sociologo e criminologo Romolo Giovanni Capuano, autore  di Apofenia (BookSprint 2012), libro che sfida le coincidenze e la sfortuna – così come non avrei problemi a scrivere un libro sul venerdì 17, anche se non ci ho mai pensato. Sono molto scettico nei confronti del paranormale e i motivi sono molti, ma credo che le superstizioni, per quanto irrazionali, aiutino a tener testa alle incertezze della vita quotidiana”. E come lui tanti altri.
Molti lettori, invece, non si pongono il problema di acquistare un romanzo in questa data, tanto al massimo sarà una brutta lettura, che non complicherà di certo la vita, cosa che invece potrebbe accadere (ritengono soprattutto le lettrici) ad un autore emergente che, presentando il suo primo libro di venerdì 17, potrebbe mettere a rischio la sua carriera.
E i librai? Organizzerebbero una presentazione in libreria di venerdì 17?
Risponde Sonia Guardo, libraia di Vicenza. “Io non sono particolarmente superstiziosa quindi sì, ma magari un cornetto… non si sa mai”. E, dopo il sorriso, rincara la dose: “Però manderei gli inviti per il giorno 16 e mezzo!”

 

 

 

Venerdì, 17 Maggio 2013 | di @Dario D’Auriente

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitĂ .
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)