Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 65

BookSprint Edizioni Blog

08 Mag
Vota questo articolo
(1 Vota)

L’usato letterario digitale: dalle bancarelle ad Amazon & Co.

L’usato letterario digitale: dalle bancarelle ad Amazon & Co. © ninolucy

“Mi piacciono moltissimo i libri usati che si aprono alla pagina che l'ignoto proprietario precedente apriva più spesso” (Helene Hanff). Quest’affermazione romantica rischia di diventare nostalgica in tempi di e-book. L’editoria digitale sta assimilando infatti tutte le caratteristiche dell’editoria tradizionale, in una forma meno concreta e per nulla cartacea. L’ultima frontiera della letteratura 2.0 sembra si proietta verso l’usato digitale, con la lotta  a colpi di brevetto per la conquista del mercato degli e-book usati.

Il concetto di libro digitale usato è ancora un’idea difficile da comprendere per il mondo della pubblicazione letteraria e tante sono le polemiche scatenate da questa nuova iniziativa, legate soprattutto al commercio editoriali e alla conseguente creazione di un mercato parallelo a quello degli e-book “nuovi”. Il sistema consisterebbe nella cessione dei diritti di possessione del file, o meglio nel loro trasferimento al nuovo proprietario, con relativa eliminazione di ogni loro residuo nei supporti tecnologici di quello precedente. Questo sarebbe possibile con l’aggiunta all’interno del file DRM che solitamente accompagna e-book o MP3 dei dati relativi al proprietario fisico del file che verrebbero poi successivamente modificati in base a quelli del nuovo proprietario.
Un vero e proprio “passaggio di proprietà”, come l’acquisto di un immobile o di un’auto di seconda mano. Poco spazio, dunque, al concetto di “libro usato” al quale siamo abituati: file di bancarelle ricolme di tascabili spiegazzati e ingialliti tra cui scovare il romanzo semisconosciuto che diventa una piacevole scoperta; l’odore delle mani che hanno sfogliato quelle pagine prima di noi, il profumo dei posti che quel libro ha visto e visitato e di cui porta l’impronta silenziosa; i segni del tempo e quelli dell’uomo, le piccole orecchie per ricordare il traguardo raggiunto e il punto da dove ricominciare per la prossima lettura, le righe sottolineate a matita per incidere nella testa parole dal significato importante; il mistero che avvolge chi quel libro ha posseduto prima, della sua storia.
Rinunciare alla poesia per guadagnarne economia, sembra essere l’imperativo delle digitalizzazione estrema a cui andiamo incontro e, mentre i prezzi si abbassano e le case editrici e i nuovi scrittori sono già pronti a dichiarare guerra a questi sbocchi commerciali imprevisti, inarrestabile avanza il progresso, invadendo e modificando la tradizione, offrendo nuovi punti di vista, smaltendo, velocizzando, semplificando, offrendo risparmio e conservazione eterna di materiali destinati a logorarsi e consumarsi,portandosi via un po’ di fantasia e quel pizzico di fascino che ogni lettore di libri usati ha da sempre provato.

 

 

Mercoledì, 08 Maggio 2013 | di @

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)