Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

13 Apr
Vota questo articolo
(5 Voti)

Il fascino del libro proibito

Il fascino del libro proibito © igorigorevich

Se c’è un modo per vendere più copie di un libro, è farlo passare come un testo maledetto, un manoscritto inviato da una penna demoniaca. Un libro talmente inquietante che tutte le istituzioni, religiose e politiche, hanno fatto di tutto per evitarne la pubblicazione. Ma nonostante questo, il volume che volevano impedirvi di leggere è lì, davanti ai vostri occhi, opera di un nuovi scrittori misteriosi. Pochi euro e potete portarlo a casa.

Il fascino del frutto proibito si perde nei secoli dei secoli. Il divieto accende la curiosità, con buona pace dei censori. Nella maggior parte dei casi si tratta di una precisa strategia commerciale, ma qualche tempo fa – non poi così tanto – mettere alla prova l’ordine costituito non rientrava in questa logica. C’era chi redigeva un elenco di libri “pericolosi per la salvezza dell’anima”, e si preoccupava di aggiornarlo di anno in anno.
Stiamo parlando dell’Indice dei libri proibiti – ma pronunciarlo in latino fa sempre più impressione: Index librorum prohibitorum.
Roba di secoli fa.
Certo. Istituito nel 1558, resta in vigore fino al ’66. Ma del Novecento. In sostanza, se negli anni Sessanta volevate essere buoni cattolici, ed evitare di beccarvi una scomunica automatica, avreste fatto meglio a non leggere Moravia o Galileo.
Ma, nella seconda metà del Cinquecento, a preoccupare i trasgressori non era tanto la scomunica, quanto le multe, il carcere, e i terribili interrogatori dell’Inquisizione.
La Congregazione dell’Indice aveva il compito di giudicare tutto lo scibile, cioè leggere ogni libro pubblicato, per poi indicare quelli peccaminosi, che non potevano assolutamente essere commerciati. Ciò significa che se un editore ha appena stampato Boccaccio (anche lui era all’Indice), si ritrovava con una perdita secca. Che fare? Dare tutto alle fiamme prima di essere imprigionato e percosso, certamente.
Ma non sempre ciò accadeva. L’Index era davvero così efficace?
Di sicuro i titoli elencati dovevano contenere qualcosa di misterioso, di innominabile. Scatenavano una curiosità irrefrenabile. E, a cascata, un fiorente commercio clandestino.
Smerciare libri proibiti era un mestiere pericoloso – l’Inquisizione non scherza –; chi voleva possedere quelle pagine doveva perciò pagare profumatamente. Grande rischio, grandi guadagni: un affare d’oro per i tipografi più spregiudicati. Il prezzo di questi volumi era giustificato non dalla qualità della fattura o dal contenuto, ma in virtù della sua pericolosità.
Il libro “proibito”, in bella mostra sullo scaffale della libreria, è lo stesso vecchio trucco che funziona sempre. Prima di precipitarsi alla cassa, è sempre meglio dargli un’occhiata.

 

 

 

Sabato, 13 Aprile 2013 | di @Carmine Morriello

4 COMMENTI

  • Link al commento mariolina inviato da mariolina

    E' vero un libro " proibito " ha sempre un suo fascino . Prima se ne parlava di nascosto , per ipocrisia stupida . Ora non c'è più proibizione è sfacciatamente esposto nelle librerie , se ne parla apertamente ed è il libro più venduto magari . La curiosità " proibita " apre il portafogli . Chi non ha letto quel libro di che parla a cena con gli amici il sabato sera ?

    Venerdì, 26 Aprile 2013 20:05
  • Link al commento Carmine De Vita inviato da Carmine De Vita

    Ciao Massimiliano,

    ti ringrazio per i complimenti.

    credo proprio che sia così, c'è in noi un'innata tensione a superare ogni divieto.

    e anch'io, se compor un libro che non mi piace, poi non me la sento proprio di darlo alle fiamme...

    Martedì, 23 Aprile 2013 08:18
  • Link al commento Francesca inviato da Francesca

    lo leggo il libro proibito........che altro????

    Domenica, 21 Aprile 2013 20:27
  • Link al commento massimiliano inviato da massimiliano

    complimenti x l'articolo, mi e piaciuto,presumo che sia la mentalita umana,piu e proibito e piu si fa,dipende soppratutto per la curiosita.a me e capitato con 2 evangelichi,gli ho dovuto tirare la scusa che avevo regalato il libro in questione, non lo avrei mai buttato ,non e la questione di quei 15 euro ,pero non riesco a buttare un libro,neanche se non lo gradito,lo scrittore in questione e stato patrick graham.e clenn cooper.i libri li ho letti in 2 settimane,e adesso li ho nella mia libreria,fiero di averli.

    Venerdì, 19 Aprile 2013 00:10

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)