Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

10 Apr
Vota questo articolo
(2 Voti)

Il Nord e il Sud del libro

Il Nord e il Sud del libro © Nejron Photo

Spesso si sente dire che l’Italia è un paese a due velocità. C’è un Nord, sviluppato e industriale, e un Sud, attardato e rurale. Pur con le dovute eccezioni, la realtà dei fatti ci impone di accettare questo dato generale. Non sarebbe altrimenti possibile spiegarsi il fenomeno dell’emigrazione interna, sempre vivo, sempre a senso unico.
Sarebbe confortante pensare che, in un mondo così particolare come quello editoriale, questa distinzione cessi di esistere. Dopotutto gli scrittori emergenti non sono tenuti a rispettare alcuna geografia, e di editori bravi e coraggiosi ce ne sono in tutto il paese.

Il diritto di stampare un libro per sognare di vederlo nella classifica degli ultimi libri usciti non dovrebbe essere soggetto ad alcuna restrizione.
Ma, a ben guardare, anche nel libro c’è un Nord e un Sud. La nostra storia ci insegna che molti intellettuali e scrittori hanno dovuto fare fagotto per trovare collocazione in case editrici o testate giornalistiche settentrionali.
Eppure, non così tanto tempo fa, la situazione era molto diversa. Cosa è successo? E quando?
Il punto di rottura è il 1861, anno dell’Unificazione. Non solo perché il Regno delle Due Sicilie diventa Sud Italia e le sue grandi città sono d’un tratto periferia, ma anche per la politica editoriale che era stata fino a quel momento condotta.
Mentre negli altri stati preunitari i libri circolavano più o meno liberamente, il Regno delle Due Sicilie era improntato a un rigido protezionismo editoriale per favorire il mercato interno. Le tipografie erano capaci di edizioni bellissime, finemente decorate, alcune delle quali sono considerate capolavori senza pari dell’arte libraria. Ma queste officine tipografiche ricevevano commesse statali, e crescevano all’ombra di un governo che li proteggeva dalla concorrenza esterna.
Unificazione significa, quindi, il brusco passaggio da un mercato protetto a un mercato libero. Si può facilmente capire come  sia stato un colpo devastante per l’editoria del Mezzogiorno. Quei tipografi non erano avvezzi all’implacabile legge del mercato, e il nobile passato divenne presto un ricordo. L’urto è tale che ancora oggi ne avvertiamo le conseguenze.
Ma le cose potrebbero presto mutare. Crisi economica da una parte, e rivoluzione dell’ebook dall’altra, sono due fattori che promettono di stravolgere il mondo del libro. La storia ha una sola costante: il cambiamento. Meglio farsi trovare pronti, e sperare in un armonico sviluppo editoriale del nostro Paese.

 

 

 

Mercoledì, 10 Aprile 2013 | di @Carmine Morriello

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)