Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

02 Apr
Vota questo articolo
(1 Vota)

Il lettore 2.0

Il lettore 2.0 © chagin

Possiede centinaia di libri in pochi centimetri e li legge girando le pagine con la punta delle dita. Discute di letteratura sui blog, consiglia i suoi testi preferiti sui social network, pesca dalla rete libri scritti da autori emergenti ed esprime il proprio giudizio innescando il passaparola – forza in grado di sconvolgere la classifica degli ultimi libri usciti. È il lettore moderno: hi-tech, vorace, sperimentatore.

Non può più accontentarsi della sola carta. La sua libreria lo segue in cloud ovunque vada, pronta per la fruizione su ereader, tablet, smarphone. Ma quanta strada a fatto?
Secoli addietro, i primi torchi stampavano libri religiosi, classici latini e greci. Lettori erano uomini di chiesa, eredi della tradizione dei chierici amanuensi, depositari di un sapere antico, tramandato con anni di fatica negli occhi e nei polsi. Lettori erano raffinati aristocratici alla ricerca di preziose edizioni. Nelle biblioteche i libri erano letteralmente incatenati ai banchi di lettura: nessuno poteva sparpagliarli per la sala freddissima; quanto portarli a casa nemmeno a pensarci - non senza un paio di robuste tenaglie. La lettura avveniva in loco, aspettando il proprio turno, finché la luce del giorno e delle candele lo permetteva – si può immaginare qualcosa di più lontano dal cloud?
Ma l’inventiva degli editori e il genio degli autori rivoluzionano lo scenario dell’editoria. Il libro rimpicciolisce, è scritto con caratteri più leggibili, diventa più leggero ed economico, mentre il contenuto si diversifica. Comincia a incutere meno timore, il popolo non ne ha più paura, chi sa leggere lo fa ad alta voce a beneficio degli altri, mentre gli analfabeti imparano a memoria interi capitoli e s’improvvisano cantastorie.
È l’alba di un mercato carico di promesse che attraversa i secoli e giunge sino a noi. Protagonista assoluto, forse non abbastanza riconosciuto, è sempre lo stesso: il lettore. Il suo potere straordinario è racchiuso in una scelta cruciale – acquistare/non acquistare. Ma le case editrici che lo considerano un mero consumatore e che cecano di adescarlo con furbizia non andranno lontano. Le armi di cui è dotato il nuovo lettore, quello che si potrebbe definire lettore 2.0, si moltiplicano. Non solo acquistare/non acquistare, ma anche condividere/non condividere, consigliare oppure stroncare attraverso l’amplificatore del web.
La potenza del lettore risulta enormemente accresciuta dalle nuove tecnologie, e l’industria del libro sa bene che non può non tenerne conto.

 

 

Martedì, 02 Aprile 2013 | di @Carmine Morriello

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)