Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

29 Ago
Vota questo articolo
(2 Voti)

Giuseppe Spinelli al Tg2: "Questa terra andrà avanti"

Giuseppe Spinelli al Tg2: "Questa terra andrà avanti" Un momento del servizio di Rai2

«Per la 'ndrangheta il coraggio non è una qualità; per la 'ndrangheta è l’obbedienza, la qualità
Mentre pronuncia queste parole, Giuseppe Spinelli guarda il giornalista dritto negli occhi; quello sguardo sfonda l’obiettivo e ti colpisce come un pugno nel petto. A parlare ai microfoni di Rai Due è l'autore de "Il Sigillo di carta", uscito per BookSprint nel 2012, ma è anche un uomo che ama la sua terra, e che dopo quarant’anni ci è tornato, laggiù, a Seminara, non lontano da Reggio Calabria.

Ma anche a Brescia, dove per tutto questo tempo ha fatto l’insegnante, Giuseppe pensava ai suoi alberi, a quel sole, a quel cielo.
Cammina per i campi, il Professore, e indica le piante secolari devastate dal fuoco. Da quando è tornato per riprendere in mano l’azienda agricola ereditata dal padre, la 'ndrangheta non gli ha dato tregua. «Ogni anno mi succede qualcosa. Vogliono mandarmi via, per prendersi la terra» spiega all’inviato del Tg2. Ma lui non s’è arreso, neppure quando l’unico amico che era rimasto al suo fianco ad aiutarlo è stato costretto ad andar via. «Gli hanno detto: “Cà, è cosa nostra. Vattìnni, che non è cosa tua.” E lui se n’è andato



Ma Giuseppe Spinelli resta saldo al suolo, con le radici che artigliano il terreno, proprio come quei tronchi che svettano e fioriscono da più di cent’anni. Conosce la loro storia, ne accarezza la pelle di legno e sembra quasi ascoltarne le parole. Il sigillo di carta è il romanzo che racconta tutta la storia, senza strappare le pagine della vergogna, senza omissioni di comodo. Attraverso le memorie di un soldato borbonico, i personaggi storici ritrovano la propria voce, e le parole sono proprio quelle realmente pronunciate, documenti alla mano. L’annientamento del Regno delle Due Sicilie, la nascita dell’Italia Unita, emergono dalle pagine, per additare i crimini, chiunque li abbia perpetrati, svincolandosi dall’omertà nemica della giustizia, perché ammettere gli abusi e i soprusi che sono stati commessi è la strada per risanare i  rapporti tra le due Italie. Il sogno del capitano Spinelli, che sperava in un Unità basata su uguaglianza e rispetto, s’infrange su una realtà aspra e brutale.

C’è tutto questo dentro lo sguardo di Giuseppe Spinelli. Le associazioni Reggio Non Tace e Libera di Don Ciotti sono al suo fianco. E lui resta qui, in piedi accanto al suo albero. «Potete bruciare tutto, potete distruggere tutto, ma questa terra andrà avanti, andrà a qualcuno che la coltiva.»

 

 

 

 

 

 

 

 

Martedì, 24 Settembre 2013 | di @Carmine De Vita

1 COMMENTO

  • Link al commento Giuseppe Spinelli inviato da Giuseppe Spinelli

    Grazie a tutti voi. E grazie all'autore delpezzo. Si sta bene in famiglia. Sto scrivendo queste cose nel secondo romanzo della saga. Il titolo provvisorio è Il Tramonto dell'alba. Parla come se fossero accadute del 1860 e le cose accadute a Seminara. Come dire: il primo romanzo la pace e la lotta. Il secondo romanzo la lotta continua perchè molto è cambiato e la 'ndrangheta incomincia a rialzare la testa.
    A presto.

    Mercoledì, 04 Settembre 2013 09:43

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)