Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 74

BookSprint Edizioni Blog

27 Giu
Vota questo articolo
(0 Voti)

Gesù nato e donato da Maria

 Nada Franceschini ha uno scopo ben preciso; sottolineare l’inaccettabile e dolorosa estromissione della donna dal Sacramento dell’Ordine nella Chiesa Cattolica. La speculazione dell’autrice parte dallo studio di quello che ritiene essere il primo sacerdote di Cristo: la Madonna. Da tale convincimento, sostenuto tra l’altro da una parte molto autorevole come poco conosciuta della teologia, nasce il libro “Restituire a Maria quel che è di Maria” (80 pagine, BookSprint Edizioni, versione ebook disponibile).

Restituire a Maria quel che è di Maria” è un saggio in cui si vuole analizzare la condizione del sacerdozio ai giorni nostri, sottolineandone al contempo le contraddizioni. Nada Franceschini utilizza riferimenti bibliografici autorevoli come Padre Giuseppe Manzoni (1921-1994) e il gesuita Pierre Teilhard de Chardin (1881-1955) il quale scriveva: “Mi sembra che nella Chiesa attuale tre pietre non perenni siano pericolosamente inserite nelle sue fondamenta: la prima è un governo che esclude la democrazia; la seconda è un sacerdozio che esclude e minimizza la donna; la terza è una rivelazione che esclude, per l’avvenire, la Profezia.” La volontà è quella di scrivere un saggio preciso e puntuale che oltre a possedere riferimenti autorevoli e logiche ben oliate, sia anche semplice da affrontare per chiunque voglia avvicinarsi a tale argomento. L’autrice ritiene che le motivazioni di una mancata possibilità di sacerdozio alle donne nella Chiesa Cattolica sia nient’altro che una vera e propria ingiustizia, scaturita da un modo errato ed anacronistico di vedere e analizzare il ruolo femminile all’interno della società oltre che della chiesa.

 Nada Franceschini nasce a Montefino nel 1944. Si laurea in Lettere classiche e in Psicologia clinica all’Università “La Sapienza” di Roma. Intraprende la carriera di insegnante di lettere e contemporaneamente è volontaria nel Sert di Frascati per un gruppo di Auto-mutuo-aiuto per persone con dipendenza da alcol. La parità uomo-donna non solo è vista dall’autrice come assoluta, ma soprattutto come base fondante del Cristianesimo: All’uomo e alla donna va riconosciuta l’uguaglianza assoluta della persona sul piano della comune umanità, eliminando il dislivello dell’antica mentalità subordinata al genere a danno della maturità della persona. Cambiare una mentalità con pregiudizi radicati così a lungo sembra assurdo e quasi impossibile, ma tutto ciò che si può fare a riguardo bisogna farlo.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Venerdì, 27 Giugno 2014 | di @

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)