Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

03 Gen
Vota questo articolo
(2 Voti)

Io ho un sogno

Sulla costa ionica, in provincia di Reggio Calabria, è ubicato il piccolo paese di Monasterace dove Vito Micelotta nasce in un freddo giorno di febbraio del 1954. Il legame che Vito nutre verso il “borgo natio” si salda quando, nel 1987 comincia, presso l’ufficio tecnico comunale, la sua attività di geometra. Figlio di una terra complessa e testimone del lato oscuro delle vicende monasteracesi, Vito cade ostaggio di un raffinato sistema di potere che, in modo più o meno palese, lavora all’annientamento umano del nostro protagonista.

 

È lo stesso Vito che attraverso la stesura di un lungo racconto autobiografico, pubblicato dalla casa editrice BookSprint Edizioni, racconta in prima persona le vicissitudini di cui è stato suo malgrado protagonista.
Io ho un sogno” (172 pagine disponibili in versione cartacea e digitale) è una finestra che si affaccia sulla storia amministrativa di una comunità.

Durante i venticinque anni di attività presso il comune del suo paese, Vito diventa lo scomodo ingranaggio di un meccanismo corrotto. Voti di scambio, clientelismo, corruzione elettorale sono i fenomeni che Vito Micelotta denuncia. Mondo politico e mondo imprenditoriale creano un connubio che infrange le regole dell’onestà; connubio di cui, in modo tanto ricercato quanto paradossale, Vito diventa simbolo. Accusato di associazione mafiosa, vive più volte lo stato di detenzione e nelle diverse strutture carcerarie che lo accolgono ha modo di scoprire un’umanità che sta ai margini.
Privo della sua libertà, nel chiuso delle celle, il nostro protagonista intesse una fitta rete di rapporti fondati sui principi della solidarietà e della fiducia; valori che sembrano inapplicabili a quella porzione di giustizia che ha puntato il dito, ripetutamente e sconsideratamente, sull’operato di Vito.

Lo sgomento dell’ingiustizia subita e i toni chiari della narrazione illuminano le difficili tematiche del testo in cui, senza mezzi termini, l’autore manifesta il coraggio di non avere paura. Nella (in)competenza di chi avrebbe dovuto garantire la legalità giace il torto subito. Vito Micelotta non risparmia al lettore la conoscenza, attraverso la citazione di nomi e cognomi, di coloro che,  seppure ai vertici del mondo della giustizia non ne sono stati garanti. Senza lasciarsi vincere dalla rassegnazione, in questa esposizione della sua versione dei fatti, Vito Micelotta traccia il sogno di vedere concretizzata una reale e significativa riforma della giustizia, sottolinea – avendola vissuta sulla propria pelle – l’inefficacia della detenzione preventiva e prospetta auspicabile una maggiore responsabilità della magistratura italiana.

In questo libro d’esordio rimbomba con vigore, tra le sue pagine, il grido di verità dell’autore, sempre sostenuto dall’amore avvolgente della propria famiglia.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Venerdì, 03 Gennaio 2014 | di @Damiana Perrella

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)