Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

11 Dic
Vota questo articolo
(2 Voti)

La stanza cremisi

Una porta di legno come tante altre. Aprirla e ritrovarsi in una stanza totalmente rossa, rossa color del sangue, rossa color del cuore, e non sapere né quando, né come, né perché ci si trova lì. Colloquiare con una voce femminile soave e delicata di cui ci si innamora e cercare in tutti i modi di incontrarla, senza però riuscirci.

È ciò che accade al protagonista di “La stanza cremisi”, il romanzo d’esordio di Fabio Celeghin Zara, pubblicato per i tipi di BookSprint Edizioni e disponibile sia nel classico formato cartaceo che nella versione digitale.

Nato a Conegliano, in provincia di Treviso, il 7 giugno del 1981, il giovane autore, appassionato di teatro, di cinema, di calcio e della lingua spagnola, si diploma nel 2001 all’Istituto Tecnico per il Turismo Francesco da Collo, nella sua città d’origine.
“La stanza cremisi” è la sua prima opera, scritta con ingegno e grande originalità. Un viaggio nel paradosso, nella mente umana, alla scoperta dei limiti fisici dell’essere umano e dell’impossibilità di venirsi incontro pur essendo così vicini.

Un uomo e una donna, bloccati in uno strano edificio, senza la chiave per uscire e con l’impossibilità di incontrarsi. Né finestre, né grate, solo un corridoio infinito e circolare, che torna su se stesso e a quella dannata porta. Divisi da una parete di mattoni, da un muro surreale, da una soglia che conduce verso le ambiziose strade dei ricordi. Ogni tentativo di fuggire, di entrare o uscire da quella stanza maledetta, è un tuffo nelle memorie: frastagliati episodi che appartengono all’inconscio e al passato, tutti accumunati dall’insensatezza delle azioni e dall’infondatezza del momento.

Che cos’è realmente quella stanza rossa? Perché i due si ritrovano in quel luogo? Cosa e chi li ha portati lì? Qual è il vero gioco? Di chi è la mente perversa che li costringe a parlarsi senza riuscire mai ad incontrarsi? E perché davanti gli occhi passano proprio quelle immagini, quei ricordi di tanti anni prima, che non sembrano avere nessun legame con la prigione rossa nella quale si trovano?

Fabio Celeghin Zara regala al pubblico 210 pagine ricche di suspense, di adrenalina, di nostalgia, di claustrofobia per l’impossibilità di venire fuori da quella situazione, di uscire a respirare la realtà. Capitolo dopo capitolo il lettore si immedesima sempre più nel protagonista, bloccato nella stanza cremisi e circondato dal niente dal colore rosso. Un climax ascendente, di ricordi e azioni, che culmina con la raccapricciante morte di un bambino, investito accidentalmente, e la disumana cattiveria dell’essere umano.

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Mercoledì, 11 Dicembre 2013 | di @Dario D’Auriente

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)