Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

23 Nov
Vota questo articolo
(2 Voti)

La parola per la libertà

Si chiama Mino Remoli, l’autore di questo prezioso volume intitolato “Pedagogia del linguaggio” (BookSprint Edizioni, 114 pagine, versione ebook disponibile). Dedicato «A coloro i quali usano la parola come strumento di libertà», il libro analizza il linguaggio sotto l’aspetto fisiologico, psicologico e normativo, ed è ricco di consigli e suggerimenti per  assicurarsi una valida ed efficace comunicazione anche in presenza di un vasto pubblico.

«La parola è stato uno dei primi strumenti di libertà. Senza questo dono, l’uomo sarebbe stato incapace di esprimere le proprie idee, e le grandi rivoluzioni della Storia non sarebbero mai avvenute. Senza la parola non saremmo stati degli uomini liberi».

Cantante chitarrista che ha girato l’Europa, Mino Remoli è un esperto di teatro, e si dedica alla scrittura sin da giovanissimo – di recente ha avuto l’opportunità di affinare la propria penna presso la celebre Holden, la scuola di scrittura creativa di Baricco. «La mia carriera artistica si è sempre divisa tra musica e teatro. Sono autore diverse opere, alcune delle quali sono state rappresentate con successo in Italia. Ho scritto questo lavoro soprattutto per i giovani che vogliono fare teatro, che hanno la passione per lo spettacolo. Voglio dargli delle indicazioni precise prima di avventurarsi in questa grande giungla».

Per Mino Remoli «la parola non significa soltanto parlare, ma andare alla ricerca di qualcosa da dire. Non la si trova fra gli scaffali di un magazzino o nei vocabolari dove essa riposa, ma nasce dalla vita, dalle nostre coscienze e dalla concretezza delle singole esigenze. Senza la sua creatività la parola resta solo un fantasma, […] un asfittico mezzo di comunicazione che non comunica niente. Il vocabolario è il cimitero delle parole, è là che sono seppellite. La creatività fa vivere le parole, dà loro un nuovo significato. Perché la parola non nasce dal vocabolario, ma dalle emozioni, dalla nostra intimità. Scrivere vuol dire avere delle emozioni, altrimenti si diventa accademici È proprio con il teatro che «la parola acquista la sua forma vitale, raccoglie i brandelli delle nostre emozioni e li mette sul palco con una creatività e una capacità di coinvolgimento che va al di là delle tecniche e delle convenzioni sociali».

“Pedagogia del linguaggio” è un valido supporto per acquisire conoscenza e dimestichezza nell’arte della comunicazione, sia in campo professionale che nella vita quotidiana, per relazionarsi coi propri interlocutori e riscoprire la bellezza della più elementare necessità sociale.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

 

 

Lunedì, 25 Novembre 2013 | di @Carmine Morriello

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)