Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

08 Nov
Vota questo articolo
(2 Voti)

Ninnamo agghiri

Fondandosi sul desiderio di raccontarsi ai propri figli, Salvatore Grassia realizza la biografia romanzata del suo personale percorso umano. La BookSprint Edizioni pubblica, anche in versione ebook, “Ninnamo agghiri (dobbiamo andare) a Livorno” (218 pagine) il primo romanzo di un autore che comincia a dedicarsi alla scrittura in età matura.

«Papà, andiamo a vivere tutti in un’altra città e qui non torneremo mai più?» gli chiesi un pomeriggio mentre, soli, avvolti da un forte odore di terra bagnata, ci stavamo riparando sotto una tettoia di eternit da uno dei rari temporali che avvenivano in Sicilia».

Salvatore ha tredici anni quando suo padre gli comunica la decisione di volersi allontanare dalla Sicilia; il trasferimento alla volta di Livorno coinvolge tutta la famiglia, e Salvatore vive con inquietudine il distacco dalla sua terra. La stessa inquietudine a cui suo padre Ciccio vuole sfuggire per via dei ripetuti e sottili ricatti che la mafia perpetua, secondo un'antica consuetudine, ai danni di coloro che aspirano ad un avanzamento sociale limpido e privo di sotterfugi. Il primo impatto con la nuova realtà destabilizza il giovane Salvatore il quale si trova, nel pieno degli anni '60, catapultato in una dimensione profondamente diversa dalla sua: Livorno è vivace, esuberante e questo accentua la ritrosia di un adolescente dalla natura introversa; contribuisce al suo relazionarsi in modo conflittuale coi coetanei, anche per via delle sue origini “terrone”.

Ma è nello sviluppo della narrazione che i contorni di Salvatore di definiscono, la sua personalità coraggiosa e onesta  emerge dal fondo delle vicende intricate e poco chiare di cui il padre cade vittima. La mafia, infatti, in un gioco di ramificazioni, e nonostante la partenza di Ciccio e della sua famiglia verso la città toscana, riesce a coinvolgerli loro malgrado in un traffico illecito. La denuncia di Salvatore alla forze dell'ordine segna un doppio passaggio nella vita del protagonista: in un clima di liberazione, Salvatore cessa di essere ragazzino per assumere la maturità e la consapevolezza di un uomo adulto, e nello stesso tempo cessano le vessazioni di un'organizzazione che, a distanza, ha perpetrato la sua malvagità.

Con un ritmo sostenuto il lettore di questa biografia romanzata è spinto ad una riflessione sulle analogie tra passato e presente: in quali forme esiste oggi la “questione meridionale”? E soprattutto ci si chiarisce su quanto sia inutile aggirare il problema se, ovunque siamo, non troviamo il coraggio di affrontarlo.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)