Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 74

BookSprint Edizioni Blog

07 Nov
Vota questo articolo
(7 Voti)

L’uomo, il più alto, non può raggiungere il cielo

Leggendo “Due racconti e una poesia” (41 pagine, BookSprint Edizioni, versione ebook disponibile) ciò che colpisce è la semplicità. Roberto Mulas, medico con la passione della scrittura, crede fermamente che l’utilizzo di strumenti minimi sia il modo migliore per mantenere integra l’intensità delle emozioni che vuole trasmettere e, nel contempo, incuriosire il lettore. Ritiene, per i due racconti e la poesia presente nel volume, che la forma più consona per fare ciò sia la forma breve e il verso libero.

Esemplari di questa tendenza sono le illustrazioni presenti. Semplici figure tratteggiate a matita, in grado di essere tanto scarne quanto evocative.

Nel primo racconto intitolato “K”, Roberto Mulas sceglie di affrontare il tema della malattia e del cancro attraverso l'esperienza umana dei personaggi. Profonda è la conoscenza della questione, attenta l’osservazione, cruciale l’esperienza di medico, dalla cui professione nasce l’ispirazione per “K”. È una lettura che lascia con l’amaro in bocca, sorprendendo per la forza della forma e dei contenuti. Il secondo racconto, “Ultimo minuto”, gioca con il concetto di tempo e di pluralità e che coinvolge le vicende, contemporanee, di sei personaggi che non s’incontrano ma le cui vite sembrano destinate ad intrecciarsi. Infine la poesia "San Clemente" (posta fra i due racconti) in cui l’immagine della nebbia s’impone come suggestione reale e spirito metaforico.

L’opera di Mulas risulta notevole. È uno splendido libro difficile da classificare, che ci lascia un ampio spazio di riflessione e la voglia di leggerne presto un altro. È un libro che tende a mettere in prospettiva il ruolo dell’uomo di fronte al destino e alla sua stessa sensibilità. L’autore d’altronde pare esserne consapevole visto che sceglie di introdurre il proprio lavoro con una citazione dall’Epopea di Gilgamesh, il racconto epico più antico pervenutoci, che dice:  “L’uomo, il più alto, non può raggiungere il cielo, l’uomo, il più grosso, non può coprire la terra”. A riconferma di quanto piccoli, ma al contempo importanti siamo, per l’universo.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Giovedì, 07 Novembre 2013 | di @

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)