Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

30 Ott
Vota questo articolo
(2 Voti)

In attesa dell’alba oltre i 13.000

È diventato un caso letterario il romanzo di Roberto Giordano. “In attesa dell’alba” (BookSprint Edizioni, 652 pagine, disponibile anche in ebook), ha superato i 13.000 download, diventando un caso letterario. Proprio il formato digitale si è rivelato una formula vincente per il romanzo noir di Giordano, permettendogli di raggiungere una vasta platea di lettori, stregati da una trama avvincente.

La storia ruota attorno alla fuga di una famiglia e di un ristretto gruppo di amici, che dovranno «combattere contro l’ultima devastante follia dell’uomo. Una lotta per la sopravvivenza alla ricerca di una salvezza che forse non esiste più…».

Roberto Giordano, classe 1979, si definisce indagatore dell’Io, ed è dotato di un talento poliedrico. Attore, regista, batterista rock, creatore di giochi di ruolo, l’autore di “In attesa dell’alba” si rifà ai grandi classici della letteratura; tra i suoi punti di riferimento troviamo Poe, Lovecraft e Kafka. Ma è egli stesso a precisare che «Il suo stile accattivante non si identifica con l’horror tradizionale, ma affianca l’avventura, il fantasy moderno, il thriller-poliziesco, l’apocalittico-catastrofico, unendo a volte interessanti risvolti mistici, dando vita così a un genere del tutto nuovo: l’ “horror-pulp”»

Nelle pagine del romanzo, lo scrittore esplora il lato oscuro dell’uomo. «Il male a cui io mi riferisco, appartiene alla natura di ognuno di noi… È quello che abbiamo nella nostra mente civilizzata, nel nostro ego, nella NOSTRA concezione della realtà circostante». Roberto Giordano guarda al mondo con la consapevolezza che c’è solo un filo sottile a tenere insieme il tessuto sociale. Se questo filo dovesse per qualche ragione spezzarsi, le conseguenze sarebbero terribili. «È questo quello che siamo noi. Ognuno di noi. Potenziali mostri vestiti da preti […]. Provate a eliminare da un giorno con l’altro la forza pubblica, l’informazione, e la certezza di giungere vivi al giorno dopo… Vedrete quale sarà il risultato, in una società in cui la parola “civiltà”, non è altro che una fragile patina di carta velina su strati e strati di rocce appuntite e taglienti, rappresentate dalla follia del falso perbenismo e dell’ipocrisia di massa…»

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Mercoledì, 30 Ottobre 2013 | di @Carmine Morriello

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)