Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

30 Ott
Vota questo articolo
(1 Vota)

Il bambino piuma

Esistono tante realtà sommerse che scopriamo solo quando ci travolgono con la forza della prepotenza, ed è allora che necessitiamo di tutto il nostro coraggio per aggrapparci allo scoglio della salvezza. Forse è così che si è sentita Annalisa D’Apice, scrittrice di “Prematuro coraggioso”, una bella e toccante autobiografia (BookSprint Edizioni, anche versione ebook). Il mondo sommerso è quello dei “bambini piuma”, ossia quei bambini che vengono alla luce prematuramente e Annalisa è la mamma di uno di loro.

Mirko nasce dopo solo 23 settimane di gestazione da una gravidanza non semplice; le paure per lui sono al massimo, perché Annalisa e Daniele, suo marito, conoscono i gravi rischi a cui va incontro la loro piccola creatura che, senza mai arrendersi, ha combattuto per vivere.

«Ebbene erano le 19.45 del 30 novembre 2009 quando il sacco scoppiò e il mio bambino fu pronto per venire alla luce; saltò anche il cesareo, stava decidendo tutto il mio guerriero…  mi portarono immediatamente in sala parto, dove venni circondata da una decina di persone pronte ad assistere quella creatura che con tutta se stessa voleva venire al mondo, ero sola… » La nascita in questo caso non è il vertice della gioia, ma l’inizio di un percorso di tormenti e paure: il prezioso fagottino di Annalisa e Daniele pesa appena 596 grammi, le visite mediche, i controlli, le terapie che si succedono sono faticose per Mirko e devastanti per mamma e papà. Un senso di impotenza si affaccia nel cuore dei nuovi genitori e si trasforma in rabbia che si aggiunge alla disperazione per le condizioni cliniche di Mirko. Ma il piccolo guerriero non ha mai cessato di lottare e la sua grinta è stata premiata: oggi è un bambino felice, è un bambino sano.

Uno spaccato di vita vissuta che Annalisa decide di riportare in un libro che racconta la sua storia e la storia di altre mamme che hanno affrontato la medesima esperienza. La scrittura in questo caso è auto terapia, un modo per abbandonare, senza dimenticare, la tragedia di ciò che è passato. Auto terapia che sconfina nella generosità: la scrittrice non dissimula i suoi reali sentimenti, anche quelli negativi, e offre ai lettori (soprattutto a quelli coinvolti nel mondo della prematurità) una speranza per procedere, uno scoglio per salvarsi.   

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Mercoledì, 30 Ottobre 2013 | di @Damiana Perrella

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)