Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 74

BookSprint Edizioni Blog

31 Ott
Vota questo articolo
(5 Voti)

Il viaggio di un’anima

Quando si legge “VIXI – Il viaggio di un’anima”, si ha la netta impressione di trovarsi di fronte ad un libro scritto come un atto unico d’ispirazione. Un solo lungo respiro che ha prodotto questo immaginifico viaggio all’indietro, verso tempi più semplici, un libro che dalla prosa mette il piede nel campo della poesia come dalla vita reale passa a un altro mondo fatto di luce e, sostanzialmente, idee.

Le 134 pagine edite booksprint edizioni (disponibile formato ebook) di Vittorio Benini sono la summa delle esperienze dell’autore che si definisce “scrittore per sentirsi esistere”, e che non si limita alle proprie esperienze di vita, ma attinge a piene mani alla fede, all’immaginazione, ai racconti ascoltati da bambino, probabilmente attorno al fuoco. Fede, che è per l’autore, un credo verso un suo personale e particolare Dio, che è “sorriso e poesia”.

Così VIXI sorprende. Sorprende perché ci parla di qualcosa d’incomprensibile e criptico con semplicità, sorprende perché la “luce” che descrive ce la fa vedere, sorprende perché trattasi di un genuino parto dell’anima al quale assistiamo incuriositi e stupefatti.

Vittorio Benini sostiene di scrivere in questa maniera perché non è uno scrittore. O meglio perché non è solo uno scrittore. Non va alla ricerca dell’ispirazione, è l’ispirazione che lo trova nelle sua quotidianità e lo acceca con una suggestione oppure con una parola, con un destino, come quando, in riva al mare, trovò un ossicino di seppia con su scritto VIXI. L’ha trovato, ne ha compreso il prodigio, l’ha conservato fino a quando l’ispirazione non ha bussato alla sua porta. Solo allora è nato “VIXI – Il viaggio di un’anima”. Benini è libero di scrivere se e quando vuole e la sua scrittura trasuda di questa libertà. Dice: “La vita non è un dettato da trascrivere correttamente, ma una poesia da interpretare”, ed è una frase che racchiude un modus vivendi di chi non ha mai ricopiato troppi dettati, che vive ed ha vissuto come strumento dell’enorme miracolo che si genera fra reale e irreale, vita e sogno, luce ed ombra.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Giovedì, 31 Ottobre 2013 | di @

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)