Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

20 Feb
Vota questo articolo
(2 Voti)

Fiorenza Brunetti e "24 dicembre", la vittoria dei ricordi

Il passato chiede sempre il conto, prima o poi. Non è possibile metterlo in un cassetto, chiuderlo a chiave con due mandate e cercare di dimenticarselo. Lui tornerà, più forte che mai, per ricordare che c'è e che sempre c'è stato, con il suo carico di ricordi, di emozioni, di sentimenti mai sopiti.

È questo il messaggio del nuovo romanzo di Fiorenza Brunetti, "24 dicembre" (SBC Edizioni), in lizza per la vittoria finale del concorso letterario di Casa Sanremo Writers 2014. 264 pagine che affrontano con chiarezza e profondità una tematica interessante e più che mai attuale.  

 La trama. Lisa Brandi è una donna di quaranta anni che sembra finalmente aver ottenuto il successo che sognava da piccola. È riuscita a diventare una giornalista professionista, una free lance apprezzata da molti editori e colleghi. Ma il suo passato cela una storia triste, fatta di violenze, malattie, alcool, droghe e morti, che sta cercando in tutti i modi di dimenticare. Un modo per farlo è quello di chiudere il proprio cuore e i propri ricordi, evitando anche di festeggiare il Natale. Ma, ora che è alle porte, il suo istinto le gioca un brutto scherzo e le impone di andare a frugare nella scatole delle decorazioni natalizie.  

Lì dentro, protetta all'interno di una carta bluastra, c'è una splendida palla di vetro con una baita all'interno, regalo che tanto tempo prima aveva fatto a suo fratello. Per la prima volta, dopo tanti anni, Lisa mette in secondo piano la ragione e decide di partire per andare a trovare, in montagna, la sua più cara amica che tante volte, negli anni passati , l'ha invitata invano a trascorrere con lei le festività. Ma, improvvisa, una tormente di neve la sorprende per la strada e la sera del 24 dicembre, la vigilia di Natale, è costretta a rifugiarsi in una piccola baita, ospite di due anziane persone: Lucia, attenta e premurosa, e Furio, scostante e burbero.  

 

 Sarà in quei ventuno giorni bloccata in montagna, senza tecnologia alcuna e senza contatti col mondo esterno, che Lisa aprirà finalmente il suo cuore e la sua mente ai ricordi, riuscendo un poco alla volta ad abbandonarsi al suo passato e ad uccidere i mostri e gli spettri che per troppo tempo ha tenuto nascosti dentro di sé. Incubi che hanno il nome di senso di colpa, per non essere stata in grado di aiutare il fratello Mattia, per non aver dato sufficiente appoggio alla mamma.  

Fiorenza Brunetti è nata a Ravenna, dove attualmente vive. Diplomata al liceo scientifico, si è successivamente laureata in Matematica, con indirizzo applicativo, presso l'Università degli Studi di Bologna. Pur avendo prediletto negli studi materie scientifiche, sono le materie umanistiche che l'attraggono. Adora disegnare, fotografare, visitare mostre e musei e leggere, senza tralasciare gli altri suoi amori che sono le piante e gli animali. Per questo, scrive sin da quando era piccola ma tutta la sua produzione è rimasta a lungo chiusa nel cassetto. Risale, perciò, solo al 2008 la sua prima pubblicazione: "Cam degli Elefanti", un romanzo espresso sotto forma di fiaba. Nel 2011 ha fatto seguito "Ritorno" e l'anno successivo ha pubblicato "Maira Signora d'Alaska". Ma è con "24 dicembre" che prova a fare il salto di qualità e, grazie alla finale conquistata quest'anno a Casa Sanremo Writers, sembra esserci riuscita. 

>>> Guarda il video su Casasanremo.it

Martedì, 25 Febbraio 2014 | di @Dario D’Auriente

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)