Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 64

BookSprint Edizioni Blog

14 Feb
Vota questo articolo
(1 Vota)

Casa Sanremo Writers: il terzo giorno insieme ai finalisti

Casa Sanremo Writers continua, come ogni pomeriggio, nel salotto di Casa Sanremo. Ieri, per noi, c’era Serena Cesco a ritirare la targa di premiazione al posto di Thomas Sanson che non è potuto intervenire per motivi di salute. Come vi avevamo anticipato ieri, Thomas è un ragazzo cerebroleso, autore di “Come in un romanzo”, testo arrivato in finale alla nostra competizione.

Iniziato alla scrittura tramite la comunicazione facilitata, appresa da lui durante molti viaggi in un’apposita scuola a Philadelphia, Thomas nel suo libro, la sua finestra sul mondo, lancia un messaggio molto importante. Innanzitutto riguardo la diversità che non può e non deve categorizzare le persone a partire da una condizione fisica. Thomas, infatti, dice a tutti di esserci, di far parte del mondo e di avere intenzione di goderselo, in tutti i modi a lui permessi.

Nell’emozionante intervista ai nostri microfoni, Serena Cesco racconta come, qualche anno fa, tramite amici in comune, conosce Thomas e ci spiega come per lei, da quel momento, la percezione di molte cose sia totalmente cambiata. Ha avuto modo, infatti, di realizzare ancora di più quanto fosse fortunata ad essere sana e che non vale mai la pena di angustiarsi per delle sciocchezze. Questo è il messaggio che, anche lei, affiancandosi a Thomas, ha voluto lanciare dal salotto di Casa Sanremo.

Serena, che è anche la curatrice del libro, ha cercato di rispondere alle nostre domande utilizzando le stese parole di Thomas, riprese proprio dal suo libro. Ci ha letto, ad esempio, la poesia “Musica”, scritta da Thomas a soli sei anni, e che ben si adattava al contesto sanremese. 

 

La gara, però, è ancora tutta da giocare. Oggi pomeriggio, ad esempio, presenteremo “L’angelo dei riccioli d’oro” di Mario De Santis, di cui vi avevamo proposto una recensione la settimana scorsa. Insieme a lui, sul nostro divano, siederà anche Orlindo Riccioni a cui verrà consegnato un premio alla carriera.

Per essere costantemente aggiornati su Casa Sanremo Writes e su tutte le novità della BookSprint Edizioni, cliccate Mi Piace sulla nostra Fan Page Ufficiale.

Giovedì, 14 Febbraio 2013 | di @

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)