Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

08 Feb
Vota questo articolo
(6 Voti)

La rinascita col "Fiore di loto", il romanzo di Agostino Moschettino

L’opera dell’autore campano, in lizza per il concorso “Casa San Remo Writers 2013”, racconta una storia d’amore avvolgente e commuovente sul ravvedimento

Quando dal fango si può rinascere, quando dalle difficoltà si può risalire, quando l’amore è l’unica forza capace di reggere e sorreggere il mondo, allora si parla di “Fiore di loto” e di Agostino Moschettino, poliedrico ed eclettico autore campano, nativo di Marigliano, giunto al suo secondo romanzo.

Un'inedita storia coinvolgente, sentimentale, triste, ma con un finale che dà speranza a tutti, premiata dalla critica giuria popolare con la partecipazione alla fase finale del concorso “Casa San Remo Writers 2013”.
“Fiore di loto” è una tragedia che si svolge nei quartieri popolari di Napoli, prima e dopo la guerra mondiale. La vicenda si snoda in un mondo che è andato perso, così come i suoi valori, sostituiti dall’ipocrisia, dal bigottismo. È la storia di una ragazza che si avvia al mondo della prostituzione perché venduta dal padre, per cercare di risolvere i problemi economici della famiglia. Una serie di emozioni, momenti, eventi, che portano poi la donna ad incontrare un giovane ragazzo. E il colpo di scena non mancherà di certo, perché il senso del racconto è quello del ravvedimento, della rinascita, della risalita con e per l’amore.
Ravvedimento che è un tema più che mai attuale, “specie in questo periodo in cui noi ospitiamo molti extracomunitari che vengono qui e vorrebbero vivere una vita, e invece si ritrovano a viverne un’altra”.
Il titolo, poi, è un’allegoria ben studiata. “Il fiore di loto è un fiore che nasce proprio dal fango e si erge molto alto sul fango stesso. Ha un profumo bello ed è un fiore molto bello, appartenente alla famiglia delle ninfee – ha spiegato l’autore campano – in molte parti del mondo è associato alla rinascita delle persone, al ravvedimento, perché la vita può rinascere e rifiorire anche dai più profondi strati di fango”.
“Fiore di loto” è arte pura, raccontata con grazia e fluidità da Moschettino, il cui scopo era “quello di mostrare la possibilità di ravvedersi, di ogni essere umano, e di arrivare sempre al perdono. Il mio libro può essere, anche, uno sprono per tutti i lettori, che spero siano tanti, a fare qualcosa di positivo, di incisivo, a fare qualcosa per superare una fase negativa, come la crisi attuale. Perché in ogni vita c’è sempre qualcosa da superare e affrontare”.
Mai pubblicato ancora con nessuna casa editrice, il romanzo ed i suoi protagonisti traggono ispirazione dalle vicende della vita del giovane Moschettino, che amava Napoli e faceva spesso passeggiate nelle zone popolari (Forcella, Quartieri Spagnoli), dove aveva diverse amicizie e conobbe diverse donne, che poi si sono ravvedute.
Moschettino, docente in quiescenza, ama sin da piccolo la poesia, il teatro e l’arte tutta in generale, ma ha iniziato ad approcciare alla scrittura solo da “adulto”, perché da giovane era bloccato da una grafia poco chiara e leggibile. Il suo successo lo ha avuto, perciò, solo di recente, decidendo di scrivere un libro, familiarizzando con l’uso del computer, che “permette di andare avanti e dietro, cancellare, ritornare, avanzare”. Ma tutte le sue opere, sin da sempre, si contraddistinguono per una capacità innata di far vivere emozioni ed avere sempre, anche se solo come sfondo, una vena romantica “perché l’amore è l’unica forza che regge il mondo”.

 

 

 

 

Venerdì, 08 Febbraio 2013 | di @Dario D’Auriente

2 COMMENTI

  • Link al commento Dario DAuriente inviato da Dario DAuriente

    Sig. Moschettino,
    la ringrazio vivamente per gli auguri e non si senta minimamente in debito con me, perché scrivere un articolo sul suo romanzo, oltre che un lavoro, è stato davvero un piacere per me. Mi è subito stato chiaro che esistono ancora persone buone che credono nella vita e nell'amore, e che riescono anche a rappresentarlo in maniera più che degna.
    Ad ogni modo ci terrei anche io a conoscerla, per tanto magari potremmo incontrarci dopo la sua esperienza a San Remo, così anche da raccontarmi come è andata.
    In bocca al lupo per la competizione
    Dario D'Auriente

    Sabato, 09 Febbraio 2013 12:24
  • Link al commento Agostino Moschettino inviato da Agostino Moschettino

    Carissimo Dario D'Auriente,
    Avverto, con ammirazione, la necessità di ringraziarti per quanto e come hai inteso commentare e presentare il mio romanzo "FIORE DI LOTO" e per come hai voluto esaltare le mie capacità espressive, descrittive e comunicative.
    Ti auguro cordialmente di realizzare ogni tuo desiderio e di raggiungere vette sempre più alte nel corso della tua carriera giornalistica.
    Vivendo al Villaggio Coppola, luogo non distante da Bagnoli, ti propongo di incontrarci una sera e mangiare insieme una pizza, che, anche a me, piace tanto.
    In tal modo mi sarà data l'occasione di colmare la lacuna che è in me, offrendomi l'onore di conoscerti di persona.
    A presto e "AD MAIORA".
    Agostino Moschettino

    Sabato, 09 Febbraio 2013 11:18

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)