Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

25 Mar
Vota questo articolo
(1 Vota)

StrettoWeb per Paolo Montefusco

StrettoWeb scrive del nostro Paolo Montefusco, autore di “Mythos”, «romanzo storico ambientato nel V sec. a.C. che fa perno intorno alle statue note come i Bronzi di Riace», scrive il giornale, «avanzando teorie e ipotesi che potrebbero riscrivere la storia delle due (o meglio sette) sculture. La vicenda narrata ha suscitato l’attenzione degli addetti ai lavori, e Montefusco ha già ceduto i diritti cinematografici per un film di cui ha già pronta la sceneggiatura».

“Mythos (356 pagine), uscito per BookSprint Edizioni nel 2010, è un romanzo di fantasia, basato però su documenti storici. «”Mythos è colui che porta l’acqua, fonte di vita e di sapere, a Kronos, dio del Tempo”», dice afferma l’autore dalle pagine del quotidiano. «“Eutymos, personaggio principale del romanzo, è un guerriero locrese che per tre volte vince le olimpiadi; per questo è considerato un semidio, tanto che Pericle lo chiama proprio Mythos”».

 

Ma “Mythos è anche il racconto dell’altra storia dei Bronzi. Montefusco è un profondo conoscitore dell’argomento, e ha costruito il suo romanzo sulla base di teorie e ipotesi già sostenute da altri studiosi. È probabile che sul fondale ci fossero non due statue, ma sette. Che fine hanno fatto le altre?
Ecco cosa dicono i documenti ufficiali. Stefano Mariottini, sub dilettante che per primo ha avvistato i Bronzi, nella denuncia ufficiale depositata il 17 agosto 1972, racconta di aver visto un gruppo di statue, presumibilmente di bronzo. Le due emergenti rappresentano delle figure maschili nude, l'una adagiata sul dorso, con viso ricoperto di barba fluente, a riccioli, a braccia aperte e con gamba sopravanzante rispetto all'altra. L'altra risulta coricata su di un fianco con una gamba ripiegata e presenta sul braccio sinistro uno scudo” (Fonte: Wikipedia) Il messaggio è chiaro: un gruppo di statue, di cui due emergenti.

«Le sculture erano in totale sette», scrive ancora StrettoWeb, «e raffiguravano i guerrieri di Polinice che nella tragedia Eschilea, “I sette contro Tebe”, si scontrarono contro i guerrieri del fratello Eteocle presso le sette porte di Tebe. Le due ritrovate sono probabilmente il Tideo (bronzo A, il giovane) e l’Afianaro (bronzo B, il vecchio) […]. I cinque bronzi mancanti sarebbero così stati trafugati dopo l’avvistamento subacqueo di Mariottini».

Tornati visibili al pubblico, i Bronzi di Riace sono oggi rinnovati protagonisti del loro territorio, tanto da essere gli attori principali dello spot turistico cui Giancarlo Giannini ha prestato la voce. L’opera di Paolo Montefusco si inserisce in questo contesto di nuovo splendore. Ma lo sguardo dei due uomini di bronzo resta imperturbabile e oscuro, forse rivolto verso i cinque fratelli perduti.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Martedì, 25 Marzo 2014 | di @Carmine Morriello

Articoli correlati (da tag)

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)