Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto? Sono nato e cresciuto a Sant'Eufemia d'Aspromonte in provincia di Reggio Calabria. A 12 anni mi sono trasferito in Lombardia e già a 14 anni lavoravo nei cantieri edili di Buccinasco. 2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente? Le Mille e una notte. 3. Cosa pensa della progressiva perdita del libro cartaceo a favore dell’ e-book? Preferisco sempre il cartaceo. 4. La scrittura è un colpo di fulmine o un amore ponderato? Una passione che mi è venuta in relazione all'obiettivo di trasmettere il lavoro di mio padre, un raro esempio di bontà d'animo, semplice e di nobili sentimenti che dedico la sua vita alla famiglia e al lavoro.
Martedì, 22 Marzo 2016 10:26

Intervista all'autore - Alessia Balistri

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Sono figlia di genitori divorziati e ho dovuto sostenere mia madre dall'età di 7 anni. Non mi hanno mai fatto credere nel valore della famiglia in se stessa. Alle superiori ho cominciato a lavorare e cominciare ad aiutare in maniera effettiva al sostentamento di mia madre e mio, facendo la cameriera all'età di 17 anni. In quel periodo ho cominciato a scrivere su un piccolo quaderno di miei pensieri, quello che provavo nell'intimo. Iniziando una serie di piccoli racconti. Protagonisti immaginari, ma i miei scritti avevano un unico filo conduttore: l'amore. Sì, quel sentimento che i miei genitori non mi fecero conoscere. All'inizio mi faceva strano scrivere di una cosa che non avevo mai sentito a pelle, ma poi mi venne del tutto naturale. Ad aiutarmi c’erano anche i romanzi e film. Così iniziai a 23 anni l'inizio, l'esordio, di quello che oggi è il mio primo romanzo.
Lunedì, 21 Marzo 2016 09:59

Intervista all'autore - Giovanni Gentile

1. Ci parli un po’ di lei, della sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Sono nato a S. Alessio Siculo, un paesino di 1000 abitanti sulla costa ionica e a tre km da Taormina, dove sono cresciuto fino ai 20 anni. A S. Alessio a partire dalla seconda (sei anni) ho frequentato le elementari. A nove anni ho iniziato a viaggiare col treno fino a Messina per la scuola media, poi il liceo scientifico e il biennio in chimica, che ho dovuto lasciare perché mio padre non mi poteva più mantenere all’Università. Avevo un cugino a Roma, che dopo il militare, faceva il cameriere nel ristorante del Ministero della marina, al quale ho scritto e mi ha procurato un “posto” in una edicola di giornali, dalle 8 di sera alle 7 del mattino e di giorno andavo a dormire nella sua camera in affitto. Dopo un po’ di mesi, un maresciallo della polizia conosciuta da mio cugino, mi ha raccomandato per essere arruolato nella Mobile a Foggia.
1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Io sono nato a Viterbo e ho sempre vissuto qui. Sono l'ultimo di cinque figli e mi sono diplomato al liceo classico. La mia passione per la scrittura non è però iniziata durante gli studi alla scuola superiore: sin dalla scuola elementare ha iniziato a balenarmi in mente l'idea di voler essere uno scrittore da grande. C'è chi da piccolo vuole fare l'astronauta, chi il poliziotto, chi il calciatore. Il mio sogno era differente. Il mio esercizio è sempre stato nei temi in classe e nei tentativi di iniziare un romanzo tutto mio, tentativi che si sono poi realizzati alla fine dell'ultimo anno scolastico al liceo, con l'inizio di "Acqua rossa". 2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura? Amo scrivere in qualsiasi momento della giornata, ma la maggior parte delle volte lo faccio nel primo pomeriggio, dopo aver preso un bel caffè.
Giovedì, 17 Marzo 2016 14:57

Intervista all'autore - Vitaliano Amiconi

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Sono abruzzese di nascita e di famiglia ma divenuto romano di adozione in quanto dal periodo universitario in poi sono stato sempre residente nella Capitale. Qui esercito la professione forense dal 1955 come titolare di uno Studio associato che si interessa di diritto civile ed amministrativo con particolare riferimento alle discipline del settore radio-televisivo. Ho accumulato negli anni varie esperienze che poi ho deciso recentemente di rendere note nel libro "Le false…verità" insieme ad alcuni aspetti della vita della nostra nazione, visti in controcorrente. Per questo l'ho definiti al... vetriolo!
Giovedì, 17 Marzo 2016 11:12

Intervista all'autore - Angelo Chiffi

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Scrivere vuol dire dare sfogo a quello che la testa elabora, trasmettendo ai lettori la stessa emozione che si prova man mano che l’opera si realizza. Condividere un sogno. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Questo libro è autobiografico, quindi è tutta la mia vita, una storia vera piena di insidie, sofferenze ma anche amore di amici, parenti e tutti i famigliari.
Mercoledì, 16 Marzo 2016 15:57

Intervista all'autore - Luca Nava

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto? Sono originario di Como e vivo ad Erba, paese dell'alta Brianza. 2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente? Consiglierei di leggere racconti ispirati ai luoghi dove si vive, per conoscere ed apprezzare i propri luoghi. 3. Cosa pensa della progressiva perdita del libro cartaceo a favore dell’ e-book? Penso comunque che entrambe le modalità di lettura avranno il loro spazio sufficiente.
Martedì, 15 Marzo 2016 15:21

Intervista all'autore - Giovanni Consigli

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Sono nato a Berceto un bel paese a 800 mt. sulle montagne parmensi ai confini con la Toscana. Sono cresciuto a contatto con la natura che ho sempre amato e difeso alla pari di ogni forma di vita. Idealista di indole, ho abbracciato la rivoluzione culturale degli anni ’70 con tutte le sue contraddizioni, senza mai schierarmi politicamente. Le mie grandi passioni sono sempre state la musica e la pittura, finche agli inizi degli anni ’90 lavorando nel settore turistico cominciai a viaggiare l'Europa. Da quegli anni iniziai ad appassionarmi alle materie letterarie ed in particolare alla storia Europea. Mi sono quindi impegnato in una approfondita ricerca storico politica durata 15 anni che mi ha permesso di scrivere la mia seconda opera “Eroi o Criminali” e di iniziare a scrivere la terza opera storica che chiamerò "Il Fantasma di Spandau".
Martedì, 15 Marzo 2016 10:34

Intervista all'autore - Antonia Dartizio

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Sono una docente di lingua francese, in pensione dal 2011. Sono nata a Grassano ma vivo a Matera. Non ho deciso di diventare scrittrice. Ho incominciato a scrivere da quando sono in pensione per superare il distacco dalla scuola, dal mio lavoro che ho amato e amo tanto. Questo è, infatti, il mio secondo libro. 2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura? In genere scrivo la mattina presto, molto presto, quando il silenzio mi permette di concentrarmi, di essere in contatto solo con me stessa. A volte anche nel corso della giornata ma quando sono sola. Per me è importante che niente e nessuno inibisca i miei sentimenti, le emozioni che vivo scrivendo.
Lunedì, 14 Marzo 2016 10:48

Intervista all'autore - Francesco Ladu

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Sono nato a Ollolai piccolo paese in provincia di Nuoro, dopo il diploma di ragioniere conseguito nel 1979 e dopo aver assolto gli obblighi di leva a Firenze tra il 1981/8/2, mi sono poi diplomato come infermiere nel 1985 dopo tre anni di corso. Ho iniziato a lavorare nel 1986, e mi sono sposato nel 1990. Verso la fine degli anni ’90 ho iniziato a comporre versi e poi poesie e a non conservale ma appendendole in reparto (ospedale). Una collega mi ha incoraggiato a scrivere e da lì ho continuato. 2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura? Non ho un momento particolare, a volte mi viene l'ispirazione e scrivo, a volte un avvenimento, un fatto particolare m’ispirano. Una volta vedendo un video musicale su YouTube mi ha ispirato e ho fatto la poesie "festa".

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)