Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

Mercoledì, 21 Gennaio 2015 17:07

Intervista all'autore - Salvatore Laudani

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? E' una vocazione innata, che ben presto è diventata un piacere. A scuola il giorno del tema in classe d'italiano era come un giorno di festa ed ero impaziente di conoscere l'argomento da trattare. Naturalmente i consensi che ricevevo mi gratificavano e mi stimolavano a coltivare la dote innata. Nello scritto esprimo me stesso; forse divento ancora più sincero, incisivo, coraggioso e spiritoso di quanto non sia parlando. Lo scritto ha l'enorme pregio di poter essere riletto, aggiustato, modificato.
Mercoledì, 07 Gennaio 2015 10:20

Intervista all'autore - Cristina Ferrazza

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Scrivere è sempre un'emozione, mi dà il senso della liberazione. In genere i contenuti maturano negli anni, talvolta nei mesi, ma poi la scrittura è veloce, di getto e in qualche mese il libro è scritto. Non ritorno sui miei passi, la prima stesura resta quella definitiva. La nascita del libro mi dà gioia, rappresenta la chiusura di un capitolo della mia vita a cui posso guardare con nostalgia, ma che resta chiuso. Come è accaduto per " Insegnare Poesia".
Mercoledì, 07 Gennaio 2015 10:07

Intervista all'autore - Dada Contesi

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? La scrittura è vita. E la vita si compie come un'opera. Non si sa quando comincia una e finisce l'altra. Sono inscindibili. Si compenetrano. La parola che resta è un graffio che eterna la caducità del tempo.
Lunedì, 05 Gennaio 2015 17:07

Intervista all'autore - Claudio Cajati

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Vengo da Napoli, ma non sono il classico napoletano pizza e mandolino. Sono un "napoletano svizzero" (la mia cicogna era miope e, invece di portarmi a Losanna, mi consegnò a Napoli). Ho deciso di diventare scrittore nel 1975, sotto il servizio militare: fingevo di dattilografare importanti dispacci militari, e invece stavo scrivendo il mio primo racconto, "Nella stanza". Ma la consacrazione è avvenuta in seguito, quando ho avuto la fortuna e il privilegio di incontrare Michele Prisco e Italo Alighiero Chiusano, che mi hanno incoraggiato e confermato nel mio proposito. Soggetto come sono a sindrome bipolare, uso la narrativa anche come terapia contro la depressione. E funziona!
Lunedì, 29 Dicembre 2014 10:18

Intervista all'autore - Giuseppe Spinelli

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Scrivere è dare forma alle parole che altri possano interpretare rileggendole, se vogliono. Mi libero di idee e pensieri per avere un nuovo vaso vuoto da riempire con nuove sensazioni. Mi diverte e mi piace vedere prendere forma su carta ciò che ha circumnavigato nella mia mente. Rileggo dopo tempo quello che ho scritto per ricordarmi di un momento passato, correggere, se del caso, e rendere la lettura più fruibile e più interessante. Scrivere è comunicare il mio essere perché altri possano pensare, commentare, rivederti e capire anche parte della propria storia.
Sabato, 20 Dicembre 2014 14:54

Intervista all'autore - Stefano Weisz

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto? Sono nato ad Asolo, ridente e antica città nelle colline trevigiane. Seguendo il mio severo ma meraviglioso padre, che era Medico Condotto, sono cresciuto in varie località della campagna trevigiana ed ho potuto apprezzare da vicino le tante qualità della gente di questa splendida Regione, adagiata tra le Dolomiti ed il mare Adriatico. Dopo gli studi classici e universitari ed aver conseguito a pieni voti la Laurea in Medicina, mi sono dedicato con passione e dedizione a questa meravigliosa ma difficile e coinvolgente Professione, operando in vari Ospedali e Cliniche come specialista in Ortopedia.
Mercoledì, 17 Dicembre 2014 12:08

Intervista all'autore - Sabrina Quartieri

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto? La mia infanzia è trascorsa in un casolare della pianura Padana in provincia di Bologna. Sono cresciuta tra trattori e alberi, a rincorrere gli uccellini, a giocare con la terra, dormendo all'ombra di un carro, mentre i miei genitori lavoravano la terra in affitto. Ho sofferto un pò di solitudine, timida e riservata, le colpe erano tutte mie, se qualcosa capitava attorno a casa.
Mercoledì, 17 Dicembre 2014 11:15

Intervista all'autore - Alma Y Acchito

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto? Sono nata a Napoli, città zeppa di contraddizioni che pare ti restino attaccate addosso a fior di pelle, pronte a venir fuori. Nata per un caso fortuito; e se v’è qualcosa di predefinito nel nostro destino, forse l’ho intuito e ho corrisposto con l’amore appassionato per il dono che mi era stato offerto. In famiglia sono cresciuta insieme ai libri, usandoli e ricercandoli, entusiasta dell’universo che si apriva attraverso le pagine.
Martedì, 16 Dicembre 2014 12:35

Intervista all'autore - Giuseppe Toscano

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Riempire un foglio di carta con la mia scrittura è trasferire agli altri ciò che io posseggo nella mia mente e nel mio cuore. Ciò che scrivo è anche un messaggio a chi legge di rovistare nel suo intimo sentimenti ed emozioni nascoste per poterle vivere. Scrivere, per me, è la conclusione di ragionamenti e pensieri vissuti e la scrittura è l'opportunità che offro agli altri per poterli rivivere. Scrivere è realizzare il sogno di affidare a qualcuno un po' di se stesso.
Martedì, 16 Dicembre 2014 11:57

Intervista all'autore - Raffaele Galantucci

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Ho sempre fatto l'operaio dall'età di 14 anni, in una ditta di impianti elettrici come il protagonista del mio romanzo. Quando è arrivato il momento della pensione avevo deciso di scrivere qualcosa per passare il tempo, ma poi sono subentrati altri interessi e quindi non riuscivo a decidermi a cominciare. Premetto che io leggo in media anche cinquanta libri l'anno, e mi è capitato di leggere cose assurde, a parere mio, racconti di vite private o di famiglia, che non interessano a nessuno o quasi. Così nel 2013 ho detto adesso provo, ed ho cominciato a immaginare che quello che stavo pensando, può succedere veramente nella vita di una persona normale, anche se come ho dichiarato è frutto della mia fantasia. Naturalmente questo genere può non piacere a tutti.

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)