Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

25 Gen
Vota questo articolo
(1 Vota)

Intervista all'autore - Emiliano De Santis

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?

Per me scrivere è una forma di espressione vitale. Non tutti riusciamo ad esprimere verbalmente le emozioni e la scrittura in alcuni casi è un arma potentissima in grado di facilitare la comunicazione di sentimenti che in altro modo rimarrebbero nascosti. Personalmente quando scrivo provo una forma di libertà profonda. È come se la mia anima il mio cuore e la mia mente si incontrano nelle parole che scovo nei meandri del mio essere.




2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?

C'è tutta la mia vita reale. Ho voluto raccontare tante sfumature di ciò che vivo o che ho vissuto nella speranza che chi legge possa scoprire che in questo viaggio chiamato vita non si è soli.



3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.

Scrivere e descrivere il ruolo di un papà nella società odierna per me è significato poter mettere in discussione il modello di perfezionismo alla quale viene sottoposto il ruolo del genitore. Un papà nasce nello stesso momento in cui nasce un figlio.



4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?

È stato piuttosto semplice. A dire il vero il libro stesso ha preso vita dopo aver avuto chiaro il titolo.



5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?

In un’ isola deserta vorrei un libro che sia in grado di farmi compagnia, darmi indicazioni quotidiane, suggerimenti, consigli, insomma un libro che possa contenere elementi di vita importanti per non farmi sentire solo. In verità anche nel contesto quotidiano a volte ci si sente come in un isola deserta, dove la frenesia e l'indifferenza la fanno da padrone. Il mio libro lo ho già scelto da tempo e posso dire con certezza che funziona. È una raccolta di autori non molto conosciuti racchiusi in un testo ispirato divinamente. Vende da molti anni milioni di copie e credo sia ancora tra i best-seller attuali: La Bibbia.



6. E-book o cartaceo?

Cartaceo tutta la vita.



7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?

Quando ho capito l'importanza delle parole, il loro potere ed il loro fascino. Il mio sogno è quello di poterle utilizzare per portare ispirazione ed entusiasmo nella vita di chi le legge.



8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?

Nasce un po’ come provocazione. Sento troppi commenti di persone che sono scoraggiate dall'idea di avere figli per via delle difficoltà a cui questa società ci sottopone. L'aneddoto che ha fatto scattare la molla è legato ad un episodio avvenuto in un ascensore di un ospedale dove incontrando un infermiera si è rivolta a me e mia moglie chiedendoci se i bambini che erano con noi erano tutti i nostri. Dopo la nostra risposta, il suo commento è stato: "certo che ci vuole un bel coraggio al giorno di oggi"... ho pensato proprio il contrario: "ci vuole un bel coraggio a non averli" ed il seguito lo troverete all'interno del libro.



9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?

È un emozione profonda. Non vedo l'ora di mettermi in discussione e confrontarmi con chi lo leggerà.



10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?

La primissima persona è stata la carinissima Rita Raimondo che ho piacere di menzionare perché mi ha aiutato, oltre che nelle correzioni del testo, a far uscire il meglio che avevo dentro.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Ho una figlia disortografica e questa modalità per lei è di grande aiuto. Credo che lo sia anche per tutte quelle persona che in passato sono state etichettate come svogliate verso la lettura mentre magari oggi con i mezzi che ci sono a disposizione potrebbero scoprire che hanno solo qualche disturbo dell'apprendimento che può essere superato grazie alla tecnologia e l'audiolibro ne è un esempio.

 



Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Martedì, 26 Gennaio 2016 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)