Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

25 Gen
Vota questo articolo
(3 Voti)

Intervista all'autore - Luigia Paglia

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?

Sono le emozioni che mi spingono a scrivere. Con ogni poesia che nasce fermo ciò che provo con dei versi; un po’ come scattare delle diapositive di vita. Scrivere è una esigenza mentale, è un rielaborare sentimenti, avvenimenti, attimi di vita. Mi sono da sempre definita una scrittrice di emozioni, che non sono necessariamente le mie. Mi capita di entrare talmente in empatia, a volte, con delle persone, ascoltandole, che poi mi è semplice scrivere delle loro sensazioni, come se fossero mie.




2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?

In ogni poesia c'è parte di me, è ovvio. In questa raccolta in particolare, che è dedicata tutta all'amore c'è ancora di più. Sono poesie che parlano di amore in tutte le sue sfumature: verso un partner, un nipote, un figlio, la vita e l'universo intero. Per me questo sentimento è la guida portante ogni giorno. C'è l'amore vissuto, perduto, sognato. Tutto il mio universo femminile.



3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.

Nel momento che ho deciso di raccogliere tutte le poesie per farne questa silloge è come se avessi fatto un viaggio dentro di me.



4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?

Semplicissimo, nel momento stesso in cui ho deciso di preparare una nuova silloge ho avuto subito chiaro il titolo e di conseguenza la prima poesia da cui partire. Sono sempre più convinta che la vita sia un prestito e che ognuno di noi debba cercare di farne il migliore investimento possibile. Così come l’amore, un prestito della vita che bisogna capitalizzare, tanto per usare un termine economico, il più possibile.



5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?

Ho letto tantissimi libri nella mia vita, amato innumerevoli autori e altrettanti generi letterari. Oggi come oggi porterei la Bibbia, c'è la storia dell'umanità, che si creda o no. Un testo dove possiamo trovare la filosofia, la storia, il romanzo, declinato in tutte le sue forme narrative e l’amore. L’amore assoluto, puro, sensuale, filiale, fraterno. Tutti i sentimenti positivi e negativi del genere umano.



6. E-book o cartaceo?

Personalmente continuo a preferire il cartaceo; ho bisogno di poter sfogliare le pagine, mi piace sentire il loro fruscìo, inalarne l'odore, poterci appuntare dei pensieri e/o sottolineare con la matita dei passi. Mi piace allungare una mano e togliere dagli scaffali i libri e decidere di leggerli o rileggerli.



7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?

Non l'ho deciso, è successo naturalmente il giorno che ho scritto la mia prima poesia; avevo 13 anni.



8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?

L'idea è nata questa estate, stimolata dall'incontro con una persona per me molto importante.



9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?

Anche questa una stupenda e profonda emozione.



10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?

L'amica e scrittrice Grazie Scanavini che poi ha curato anche la prefazione.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Indubbiamente lo reputo un supporto importante, evidentemente legato ai nuovi sistemi di comunicazione che lo rendono facilmente fruibile. Da non trascurare poi come elemento che ha reso possibile la conoscenza di opere letterarie o divulgative a coloro che hanno deficit visivi.



 

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Lunedì, 25 Gennaio 2016 | di @BookSprint Edizioni

Articoli correlati (da tag)

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)