Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

16 Dic
Vota questo articolo
(1 Vota)

Intervista all'autore - Raffaele Galantucci

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?

Ho sempre fatto l'operaio dall'età di 14 anni, in una ditta di impianti elettrici come il protagonista del mio romanzo. Quando è arrivato il momento della pensione avevo deciso di scrivere qualcosa per passare il tempo, ma poi sono subentrati altri interessi e quindi non riuscivo a decidermi a cominciare. Premetto che io leggo in media anche cinquanta libri l'anno, e mi è capitato di leggere cose assurde, a parere mio, racconti di vite private o di famiglia, che non interessano a nessuno o quasi. Così nel 2013 ho detto adesso provo, ed ho cominciato a immaginare che quello che stavo pensando, può succedere veramente nella vita di una persona normale, anche se come ho dichiarato è frutto della mia fantasia. Naturalmente questo genere può non piacere a tutti.



2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?

Mi piace scrivere di sera quando sono solo, con la radio accesa con la musica degli anni 60-70 con un volume basso che fa da sottofondo.



3. Il suo autore contemporaneo preferito?

Andrea Camilleri: che ha una fantasia veramente fervida.



4. Perché è nata la sua opera?

Come ho accennato prima principalmente per passare il tempo, poi per provare a me stesso che potevo anche riuscire a raccontare qualcosa.



5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?

Direi che mi ha aiutato molto la descrizione di certe situazioni, inerenti a luoghi e ambienti che ho praticato nell'ambito del mio lavoro.



6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?

Penso che si possa dire che rispecchia tutte e due le cose.



7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?

Qualche cosa, magari dei particolari tecnici e la descrizione di qualche luogo che ho effettivamente visitato, per il resto molto poco.



8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?

No, tanto è vero che non lo sapeva nessuno.



9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?

A mia figlia, che è rimasta sorpresa e meravigliata della storia che avevo raccontato, ed è stata lei a consigliarmi di contattare un editore.



10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?

Purtroppo si, perché per me il libro è di carta, mi piace sentire il suo odore mentre lo leggo e sfoglio le pagine.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Penso che sia una cosa bella ed interessante, specialmente per alcune persone.  

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Martedì, 16 Dicembre 2014 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)