Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

21 Ott
Vota questo articolo
(5 Voti)

Giorni immobili

Amicizia, amore, affetto e molto altro tra le righe in rima che l'autrice piemontese Elena Stura regala ai suoi lettori con la sua ultima raccolta di poesie, "Giorni immobili", pubblicata dalla BookSprint Edizioni e disponibile sia nella versione digitale che nello storico formato cartaceo. 80 pagine di versi, composizioni, suoni e immagini che trattano con un tono e un linguaggio intimista e personale il mondo interiore ed esteriore della scrittrice.

 Elena Stura nasce in quel di Ivrea nel 1970 e si laurea all'Università degli Studi di Torino in Scienze dell'Amministrazione. Sviluppa sin da piccola la passione per la danza, le cui vicissitudini la porteranno a pubblicare, sempre con la casa editrice di Vito Pacelli, il suo primo libro "Frammenti dell'essere", uscito nel 2012. Sposata e impiegata in un'azienda di servizi di Ivrea, attualmente vive nel ciriacese, in un piccolo paese di montagna.

Se la sua prima opera si focalizzava principalmente sull'esperienze legate alle ambizioni di una ragazzina che sogna di diventare ballerina classica, questa raccolta di poesie, seppur scritta in età adolescenziale, è più personale, intima, delicata, esprimendo ricordi e considerazioni personali sulle fasi della giovinezza (gli anni che vanno dal 1990 al 1998). Un'età caratterizzata da scontri, voglia di fare, contrasti interiori che si manifestano nel non rispetto delle regole sociali e nei diverbi con gli altri. È proprio questa diatriba viene espressa, nella costante lotta tra ciò che si è e ciò che gli altri vogliono che siamo.

Divisa in tre parti (l'amore non vissuto, la vita perduta e l'evasione), il fulcro centrale dell'intera opera è l'impossibilità di vivere, per i giovani, fino in fondo le proprie passioni, un po’ per una maturazione non ancora raggiunta e un po’ per i vincoli e gli obblighi che impone la società, il che impedisce ancora di più agli adolescenti di trovare una serenità tale da garantire il successo e il raggiungimento dei propri sogni. Ne emerge un silenzio fatto di tante parole non dette, di incomunicabilità, di mancanza di rapporti d'amore e d'affetto che, seppure in questo sconsolante quadro avrebbero uno spiraglio di luce, vengono costantemente tenute a freno dal ripetersi di eventi negativi.

È questo il senso di "Giorni immobili", una fuga dalla realtà per uscire da un presente fermo ed immaginare mondi dove il flusso delle cose non è statico, ma in perenne movimento, in continuo divenire, dove le ambizioni e le aspettative non sono "morte", ma più vive che mai

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Martedì, 21 Ottobre 2014 | di @Dario D’Auriente

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)