Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

28 Lug
Vota questo articolo
(2 Voti)

La trilogia degli inscontri

Tre storie, svariati personaggi, diverse ambientazioni, ma una sola certezza: l'incomunicabilità. Incontri che diventano scontri per l'impossibilità di comunicare tra esseri della stessa razza, della stessa specie, che hanno perso l'orientamento e non sono più capaci di relazionarsi con i propri simili in una fitta rete di legami sociali vuoti e paradossali. Mario Longobardi è l'autore di "La trilogia degli inscontri", un'opera teatrale metafisica edita dalla BookSprint Edizioni e disponibile sia nel classico formato cartaceo che nell'innovativa veste digitale.

 Nato ad Angri il 27 febbraio del 1973, ottavo figlio di una famiglia numerosa, Mario Longobardi si laurea in Lettere Moderne all'Università degli Studi di Salerno e, successivamente, trasferitosi a Trieste, inizia ad insegnare Lettere a Gorizia. Amante della lettura degli autori dei secoli a cavallo dell'anno zero, come Aristofane e Socrate, sviluppa una passione innata per il teatro e la scrittura, tanto da diventare comico, cabarettista e autore di saggi, testi teatrali e canzoni (la sua prima all'età di 11 anni).

148 pagine, una realtà parallela suggestiva e paurosa allo stesso tempo, dove l'illogicità, le esagerazioni e le contraddizioni regnano sovrane. Tre storie diverse, legate dalla rottura tra significante e significato, tra ciò che viene detto e ciò che viene fatto, per esprimere il disagio sociale che ci contorna e la voce interna dell'autore, che vuole rappresentare una società che consuma se stessa e si consuma, che potrebbe raccontare molto ma non racconta, perdendosi i contenuti all'interno del mezzo di comunicazione. È quello che accade ai personaggi, in cui il conflitto nasce dall'interno per arrivare a scoppiare nelle relazioni con gli altri.

In "La vera storia di Giocondo", il militare Giocondo si mette in discussione decidendo di svelare a tutti un segreto di Stato, ma i suoi colleghi e i suoi amici cercano di dissuaderlo dal farlo, finché lui non finisce per essere identificato come un oratore di piazza, un simil profeta dei tempi moderni, che si muove tra quelli che definisce "morti viventi".

In "Fior di Rosa", due ragazzi mettono in scena il loro amore reale, non ben visto dalla società e soprattutto dalle reciproche famiglie, nella rappresentazione di "Romeo e Giulietta" di Shakespeare. In un susseguirsi di scene, recitazioni e incontri segreti, il loro sentimento uscirà allo scoperto, permettendo all'istinto di superare la ragione.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Lunedì, 28 Luglio 2014 | di @Dario D’Auriente

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)