Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 74

BookSprint Edizioni Blog

02 Mag
Vota questo articolo
(1 Vota)

Il superficiale splendore del mare

Il superficiale splendore del mare” (442 pagine, BookSprint Edizioni, versione ebook disponibile) è l’ultimo libro di Antonio Pennetta che stavolta si cala nel mare della solitudine di un uomo condannato all’ergastolo.

La solitudine è solo uno dei fantasmi contro cui deve combattere il protagonista colpevole di aver assassinato la propria ragazza, si troverà infatti ad affrontare l’ineluttabilità della morte e ad avere un confronto serrato con un Dio intermittente che è continuamente ricercato e silenziosamente disarmante. L’analisi della solitudine di Antonio Pennetta ha poi la valenza di un’osservazione su come essa riverberi nella coscienza e nella vita di un uomo che ci è costretto, di come la solitudine riesca a far vacillare le scuse che il protagonista si racconta per mitigare i sensi di colpa per ciò che ha fatto.  

 Antonio Pennetta nasce nel 1979 in un piccolo paese in provincia di Lecce. Il suo amore per la lettura e la scrittura lo porta a collaborare con il giornale del Liceo G.C. Vanini e con il periodico della Sinistra Giovanile del proprio paese. Ama i classici Francesi e Russi e nonostante l’antica passione per le lettere si laurea nel 2003 presso l’Università Commerciale Luigi Bocconi, diventa Responsabile di Zona di una primaria Compagnia di Assicurazioni e non abbandona mai la sua altra passione, quella viscerale che lo porta a scrivere, fra gli altri, “Il superficiale splendore del mare”.  

Il libro di Antonio Pennetta ha la struttura di un lungo monologo e un precipuo carattere riflessivo. In quest’opera c’è la morte, Dio, il passato che ritorna con tutto il suo peso, il capovolgimento delle certezze, tutto un mondo che tende a comprimersi in una piccola cella, tutto un mondo che tenta di sfuggirne, tutto il mondo che si mostra con pezzettini di cielo e mare visibili ma perennemente intoccabili. Come i pensieri a volte si susseguono nella mente apparentemente senza ordine, anche i contenuti del libro paiono essere immersi in un flusso di coscienza ordinato e non lineare, seguendo un tratteggiato e lieve fil rouge. È come navigare sul filo del mare senza affondare, sulla superficie, fra i molteplici e cangianti riflessi della vita

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Sabato, 03 Maggio 2014 | di @

Articoli correlati (da tag)

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)