Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

18 Apr
Vota questo articolo
(0 Voti)

Tua madre non deve lucidarti le scarpe

Cosa vuole la volontà umana? Come ci giustifichiamo la vita? Quanto ne capiamo della vita e del profondo di noi stessi? E soprattutto, cosa dobbiamo fare quando non abbiamo risposte?”. Muove da questi interrogativi – formulati dal critico americano Thomas Harrison – il romanzo di Carlo Pini, “Tua madre non deve lucidarti le scarpe” (BookSprint Edizioni, 274 pagine, versione ebook presto disponibile).

Storia di un “bamboccione”? Certo che no. Pini analizza gli effetti che alcuni giudizi possono produrre sulla psiche umana. L’epiteto di “mammone”, attribuitogli dalla fidanzata, condizionerà a lungo il protagonista Alberto.  

 Ma questo romanzo è molto altro. La vita porterà Alberto a lasciare l’Italia per il Brasile, per poi fare ritorno, molti anni dopo, nel paese natio. Quando ormai è un uomo segnato da tre storie d’amore molto diverse, alcune ancora in grado di bruciare, altre che forse non hanno mai preso fuoco. Quando il tempo non è più quello dilatato della giovinezza, fatto di onde e orizzonti sterminati, ma quello ristretto della maturità, che da mare è divenuto lago.  

Alberto misura la distanza tra l’essere e il dover essere. Lui, «autocondizionato dal bisogno di “farsi lucidare le scarpe”, dalla paura della povertà, da una religiosità di facciata, inseguirà l’amore perduto. Ritroverà anche ragioni più vere per credere, grazie a un prete di frontiera e a un architetto agnostico che “sterzerà” anche lui oltre l’atroce seduzione del nulla eterno. Una svolta propiziata dal progetto di ricostruzione del paese di Savogno come Borgo del Creatore».

Pini ha confezionato un romanzo ricco, che si caratterizza anche per l’ottima impostazione narrativa, fluida e ben articolata. Notevole la caratterizzazione dei personaggi, disegnati con delicatezza e profondità, tanto che sembrano quasi reali, con le loro paure, delusioni, incertezze. Suggestiva la scelta dei titoli dei capitoli, per nulla scontata la conclusione («Il sipario si chiuderà a sorpresa», dice l’autore).

Carlo Pini vive a Roma ma è originario di Grosio (So). Non nuovo al mondo della letteratura, collabora con Insieme a Roma della Famiglia Valtellinese e con Il Graffito, mensile della biblioteca civica del suo paese.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Martedì, 22 Aprile 2014 | di @Carmine Morriello

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)