Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

09 Dic
Vota questo articolo
(1 Vota)

Il riflesso del mondo, in una pozzanghera nel fango

Non sempre uno specchio d'acqua riflette un'immagine bella, pulita, felice. Può accadere infatti, a volte, che ciò che viene mostrato non sia quello che uno ci si aspetta. I motivi sono diversi e prova a raccontarceli Elisabetta Panico nel suo libro "Il riflesso del mondo, in una pozzanghera di fango". L'opera, una raccolta di poesie di 62 pagine, è edita per la BookSprint Edizioni, la giovane casa editrice di Vito Pacelli, ed è disponibile nel classico formato della brossure cartacea.

La silloge, intensa, getta uno sguardo proprio sul mondo il cui riflesso non è molto splendido. Un'arte, quella della vita, che va vissuta e raccontata cercando di giungere ad una visione di difficile realizzazione. La costanza non premia e l'esser presenti a se stessi a volte diventa un problema; anche l'amore ha dei limiti e quando questi vengono a galla, contribuiscono a rendere più grigio e triste l'universo che ci circonda. Ecco perché il riflesso che ne viene fuori è quello di una realtà difficile da vivere, ma con la consapevolezza e la certezza che i momenti complicati vanno comunque affrontati e vissuti.

Le poesie hanno la caratteristica di non avere un titolo e questo fa sì che il lettore abbia ancora più voglia di leggere tra i versi la verità dell'autrice. Ogni parola è scelta e selezionata, lo stile pacato ma diretto è tipico della freschezza della scrittrice, a cui piace andare dritta al cuore delle questioni, senza però mai scoraggiarsi. Non è infatti un inno alla tristezza e al pessimismo, bensì la voglia di tirar fuori il reale. Non ci sono rime impostate e studiate, ma i versi, seppur liberi, hanno una musicalità che coinvolge e appassiona.

Nata a Pomigliano d'Arco, in provincia di Napoli il 29 aprile del 1995, Elisabetta Panico è diplomata all'Istituto d'Arte di Avellino, indirizzo Grafica pubblicitaria e Fotografia. Studentessa dell'Accademia di Belle Arti di Napoli, l'autrice ama sperimentare, nel tempo libero, nuove forme di linguaggio espressivo. L'arte, infatti, è insita nel suo DNA e all'amore per le poesie unisce quello per la pittura, per la fotografia e la musica, che la rendono, seppur giovanissima, già un'artista completa, a 360 gradi. 

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Venerdì, 09 Dicembre 2016 | di @Dario D’Auriente

Articoli correlati (da tag)

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)