Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

24 Lug
Vota questo articolo
(0 Voti)

Una profuga anomala

Seconda Guerra Mondiale. Il post esodo degli istriani dai territori assegnati alle popolazioni dell'ex Jugoslavia. Fanny è solo una ragazzina, che deve crescere velocemente tra speranze e illusioni, che sono il fulcro di "Una profuga anomala", il nuovo romanzo a firma di Silvia Danei. Edito per i tipi di BookSprint Edizioni, e disponibile sia nel formato del libro digitale che del volume in brossura cartacea, il libro è un viaggio nella storia, triste, di un intero popolo costretto a trasformarsi in profughi per scappare dalle conseguenze della guerra.

 La trama. Fanny, dall'infanzia all'adolescenza, in viaggio dai territori assegnati agli slavi verso l'Italia, insieme a migliaia di uomini, donne e bambini, per raggiungere qualche paese dove ricostruire la sua propria vita. La protagonista vive una situazione di disagio dovuta alla sua condizione di profuga, oltre che alle incomprensioni tipiche della sua età con gli adulti che la circondano. Per la piccola Fanny sarà difficile venir fuori dalle gioie e dai dolori di una vita che con la mente tornerà sempre a quegli anni, per lei rabbia, dolore, tristezza, rimpianto e nostalgia saranno sempre un passo avanti alla speranza, e i muri insormontabili per i suoi occhi da bambina rimarranno impressi in eterno nei suoi pensieri.

Cos'è la guerra? A cosa serve? Perché si combatte? Queste sono le domande che spesso ci si pone di fronte ad un conflitto. Un'altra questione molto analizzata e studiata è quella legata ai profughi, che vengono però trattati come meri numeri che come persone. Spesso si parla della loro destinazione più che delle loro condizioni, delle loro necessità. E come cresce una bambina, un ragazzino, in una condizione da fuggiasco?

E a questo quesito che Silvia Danei, saggista vissuta con i profughi nella Seconda Guerra Mondiale, prova a dare riposta nelle 80 pagine di "Una profuga anomala". Un libro intenso, deciso, sensibile quanto cruento, delicato quanto reale, per porre l'accento alla questione dei bambini profughi. E per farlo con uno stile che solo l'autrice, che ha vissuto sulla propria pelle i dolori di una tale condizione, può costruire per trasmettere al mondo tutte le difficoltà di vivere da esuli per volontà degli altri

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Venerdì, 24 Luglio 2015 | di @Dario D’Auriente

Articoli correlati (da tag)

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)