Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

05 Feb
Vota questo articolo
(1 Vota)

"Shoot me!" di Joe Santangelo, finalista a Casa Sanremo Writers 2015

 

Anche Joe Santangelo partecipa all’edizione 2015 di Casa Sanremo Writers ottenendo già un ottimo risultato: posizionarsi tra i diciannove finalisti. Non di certo estraneo al mondo dell’editoria, Joe lo si può considerare un autore avvezzo tanto alla scrittura quanto alle premiazioni: tra tutte la felice partecipazione al Courmayeur Noir Festival 2005 (presentazione del Romanzo d’esordio) e la vittoria al premio Calamaio D’Argento, anch’esso nell’edizione 2005, indetto dalla Provincia di Genova, per lo stesso libro.

 

Originario della Puglia, Joe Santangelo vive, ormai, da oltre una decina d’anni, nella capitale, ed è qui che si occupa di alcuni aspetti fondamentali della vita di una multinazionale, attiva in ambito ambientale e petrolchimico. La laurea ed il master post universitario in Economia e l’ambito professionale lo spingono a permanenze lontane dalla nostra nazione. Nonostante il lavoro, Joe Santangelo conta numerose pubblicazioni, molte di carattere tecnico, commissionate da società sportive; ma a partire dal 2003 l’autore si cimenta in un nuovo genere narrativo: il romanzo noir.

“Shoot-me!”, il testo con cui Joe Santangelo gareggia per la prima posizione - che verrà resa nota il 14 febbraio - è un testo che rappresenta al meglio l’idea del concorso stesso: la fusione tra musica e letteratura. Il testo è, infatti, un documento di 420 pagine in cui l’autore argomenta in modo preciso e fortemente documentato un argomento spinoso (e per certi versi irrisolto) della storia della musica italiana: la vita (e la morte) di John Lennon e Mark Chapman. Le diverse parti che costituiscono il libro aiutano a chiarire il vissuto dei due personaggi e a tratteggiare uno spaccato sociale e ideologico degli anni in cui i fatti avengono. Importantissimo e fondamentale per la realizzazione del testo è il corposo apparato bibliografico che include documenti ancora difficili da reperire in lingua italiana. Un testo da leggere per conoscere ed apprezzare John Lennon tanto nella sua veste d’artista, ma soprattutto nel suo lato umano. Da questo punto di vista affascinano, particolarmente, i testi autografi di Lennon, una delle maggiori personalità artistiche del ventesimo secolo.

Riuscirà questa figura ad aiutare il nostro Joe Santangelo a portarsi la vittoria a casa? 

Giovedì, 05 Febbraio 2015 | di @Damiana Perrella

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)