Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 74

BookSprint Edizioni Blog

03 Feb
Vota questo articolo
(1 Vota)

"Che io bruci. Rapsodia ferrarese" di Alessandro Chiarelli, finalista a Casa Sanremo Writers 2015

Ferrara è una città straniante e in pieno degrado culturale. Le sue sconfinate pianure, le sue nebbie, l’aria rarefatta, che pare far da padrona a questo scenario, sono lo sfondo dell’ultimo romanzo di Alessandro Chiarelli, finalista all’edizione 2015 di Casa Sanremo Writers.

Il romanzo dal titolo “Che io bruci. Rapsodia ferrarese” (Faust Edizioni, collana “I Nidi”, 164 pagine) racconta di Romeo Corvini, imprenditore fallito, che a 150 chilometri orari, su di una strada provinciale incontra/scontra Villiam Ardesia, un giovane dal passato tormentato che sta lottando per superare le parti più oscure della propria vita. Questo scontro, che non si rivela, solamente, tra due autovetture, ma tra due vite diverse, è la forza motrice dell’intera trama. Alessandro Chiarelli utilizza quest’incontro/scontro per introdurci nel racconto, lucido e appassionato, di due vite distanti che, pian piano, disvelano ombre sempre maggiormente definite. Sarà Cosimo Ardesia, fratello di Villiam e commissario della questura, a compiere questa riscoperta nel passato del fratello e della sua famiglia, scoprendo particolari e realtà che mai avrebbe immaginato.

Alessandro Chiarelli nasce nel 1966 a Ferrara. Si laurea in “Scienze dell’Amministrazione” all’Università di Urbino e successivamente in “Scienze Politiche” con indirizzo sociologico all’Università di Perugia con una tesi sulla Sociologia della violenza domestica. È sostituto Commissario della Polizia di Stato e responsabile dell’Ufficio Minori della Questura di Ferrara. Ricopre anche il ruolo di segretario provinciale della SIAP (Sindacato Italiano Appartenenti Polizia). Dal 2010 è docente presso l’Università di Ferrara al Master di secondo grado per la specializzazione "Tutela, diritti e protezione dei minori”. Da questa formazione nasce “Che io bruci. Rapsodia ferrarese”. Nel romanzo, infatti, sono presenti: la città di Ferrara, che l’autore ben conosce ( e che, inoltre, critica, riferendosi, specialmente, alla realtà culturale degli ultimi anni); i suoi studi di sociologia e quelli sulla violenza sui minori; e, non ultimo, il suo lavoro nell’ambito della questura, che lo avvicina alla figura del commissario Ardesia. Queste profonde conoscenze permettono alla penna dell’autore di tracciare, su carta, punti di vista realistici e mai banali. Il romanzo è intriso da questo senso di “realtà” ed a volte si ha la netta sensazione che si parli quasi di un fatto di cronaca, di una storia vera, per noi lettori romanzata. Una simile operazione Alessandro Chiarelli l’aveva già effettuata nel suo precedente romanzo, “Disonora il padre e la madre” (2009, “Stampa Alternativa” collana “Senza finzione”, 262 pagine), ma non con una lucida e consapevole coerenza, che, invece, si avverte in “Che io bruci. Rapsodia ferrarese”.

Nella scrittura di Alessandro Chiarelli tutto è teso a mescolare le carte, a smuovere le acque alzando il fango dal fondo. Nelle sue parole l’acqua diventa torbida, divenendo l’unico modo per vedere il fondo, per scoprire cosa c’è sotto, cosa c’era prima. A voi lettori spetta il compito, se ne avete voglia, di inoltrarvi in queste pagine turbolenti e di capirne i lucidi meccanismi che, magicamente, le orchestrano. 

Martedì, 03 Febbraio 2015 | di @

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)