Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 74

BookSprint Edizioni Blog

03 Feb
Vota questo articolo
(1 Vota)

"Il suo nome era Aprile" di Elisa Barbaro, finalista a Casa Sanremo Writers 2015

Il suo nome era Aprile” (Youcanprint Edizioni, 178 pagine, versione ebook) è il romanzo d’esordio di Elisa Barbaro, opera con la quale l’autrice è finalista di “Casa Sanremo Writers”, l’annuale e prestigioso concorso letterario, che accompagnerà il “Festival della canzone italiana”, e che si concluderà il 14 febbraio, presso il “Palafiori” di Sanremo.

 

Tommaso è il narratore e il protagonista che ci racconta, con tanta ironia, il viaggio di ricerca intrapreso per trovare la donna della sua vita. Tommaso è circondato da tutta una serie di personaggi, descritti con uno spessore eccezionale, ma, allo stesso tempo, definibili “impossibili” per l’alta carica morale positiva, che tutti possiedono. Tra questi, ad esempio, ci sono: i genitori, innamorati sino alla fine; il fratello minore con cui condivide tante parti importanti della sua vita; la nonna, i cui insegnamenti saranno fondamentali per la sua formazione.

Elisa Barbaro nasce, ultima di tre sorelle, a Messina nel ’74 in una tipica famiglia siciliana. Fra le sue svariate passioni rivestono un ruolo particolare i viaggi e la scrittura. Amore quest’ultimo scoperto in realtà un po’ tardi, grazie alla partecipazione di un concorso letterario di racconti brevi. Un concorso che Elisa ha vinto per ben due differenti edizioni. L’ambientazione di questi racconti è l’Irlanda, paese che l’autrice ha saputo comprendere e descrive con grande maestria, ma il passo dal racconto breve al romanzo è anche un passo dall’Irlanda all’isola sicula, la sua profumata e amatissima Sicilia.

Così nasce "Il suo nome era Aprile", scritto mescolando tante storie divertenti e/o d’amore della sua infanzia, o narratele dalle persone a lei vicine. Inizia in questa maniera per poi tramutarsi in altro, per prendere vita propria in uno di quei romanzi che è difficile catalogare. Formazione? Didattico? Rosa? Non ha importanza. Ciò che importa è leggerlo, è leggerci dentro uno splendido acquerello siciliano (e non solo), che copre un periodo di tempo, che scorre dagli anni ’80 sino ai nostri giorni.

Tommaso è il protagonista assoluto del romanzo, ma ad accompagnarlo ci sono donne: amate, venerate, descritte minuziosamente fino a tratteggiarne il profumo. In realtà tutti i personaggi hanno un proprio ed importante spazio, che permette loro di essere figure vivide, grazie, soprattutto, al modus scribendi dell’autrice, particolareggiato ma mai eccedente. Le donne di Tommaso, oltre alla madre e alla nonna, quest’ultima importantissima per la sua crescita, sono tutte donne incontrate, semplicemente, nel corso degli anni, che chiunque di noi potrebbe, casualmente, incrociare. Tommaso le incontra, quindi, durante la sua infanzia, adolescenza, o in un viaggio, nella sua vita adulta. Di tutte si invaghisce, o riceve le prime delusioni. Intorno a loro: odori, sapori, paesaggi, ben descritti dalla penna di Elisa Barbaro, da riuscire a sentirli, percepirli, vederli

Ed allora non ci resta che iniziare a leggere, a concederci qualche sana risata e qualche riflessione sulla vita di Tommaso, su come sia riuscito, infine, a trovare l’amore. E poi ci rimane, soprattutto, da scoprire: chi era Aprile?   

Martedì, 03 Febbraio 2015 | di @

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)