Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

21 Gen
Vota questo articolo
(3 Voti)

L'Apartheid di genere

 La violenza sulle donne indagata ed analizzata nelle sue mille sfaccettature. Un fenomeno di genere con ripercussioni gravi sulla società e la cultura moderna. Parla di questo, dando ampio spazio alla problematica, il nuovo saggio di Dada Contesi "L'Apartheid di genere. Come cambiare il destino delle donne". L'opera, pubblicata per i tipi di BookSprint Edizioni, si compone di 254 pagine ricche di analisi e spunti di riflessioni utili per capire dove risiede la vera drammaticità del fenomeno.

 Il saggio si apre, perciò, con una panoramica storico-culturale molto interessante della violenza sulle donne, dove si mettono in rilievo le origini e gli sviluppi della cultura dello stupro e del predominio della cultura patriarcale, che sottomette la donna al ruolo di essere inferiore. Da qui la condanna velata anche alle religioni, che hanno contribuito a relegare il gentil sesso in una posizione subordinata per secoli, fecondando l'idea che esse siano un mero oggetto da utilizzare da parte dell'uomo a proprio piacimento.

L'autrice prosegue poi con una seconda parte in cui si focalizza principalmente sulle conseguenze psicologiche dello stupro, che arrivano a rendere la vittima colpevole. La donna si sente in pratica autrice di quanto accaduto, perché magari ha compiuto un gesto o si è vestita con abiti provocatori. L'utilizzo costante di citazioni, il ricorso a documenti e testimonianze, rende il tutto molto sentito e ancora più facilmente comprensibile, anche quando si parla dell'aspetto legislativo legato al femminicidio.

Ciò che ne emerge da "L'Apartheid di genere" è perciò un quadro brutale della società contemporanea che, ormai, giunta nel terzo millennio, non riesce a placare un fenomeno purtroppo ancora tristemente radicato sia nella cultura occidentale che in quella orientale, tanto che la stessa Organizzazione Mondiale della Sanità lo ha individuato come principale causa di morte al mondo, ancor prima dell'infarto.

Dada Contesi è nata a Bologna, dove si è laureata in Filosofia. Attratta sin da subito dai libri, con l'opera "Shardana" ha ottenuto un importante riconoscimento al premio letterario Montblanc. Nel 2002 ha pubblicato la sua opera prima, "L'uomo di Ulm e il paradosso dell'orologio", un romanzo biografico. In seguito si è trasferita nel Regno unito, dove tuttora svolge attività sociali per i diritti umani.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Mercoledì, 21 Gennaio 2015 | di @Dario D’Auriente

Articoli correlati (da tag)

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)