Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

07 Gen
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Dada Contesi

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?

La scrittura è vita. E la vita si compie come un'opera. Non si sa quando comincia una e finisce l'altra. Sono inscindibili. Si compenetrano. La parola che resta è un graffio che eterna la caducità del tempo.



2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?

Poco o nulla, fortunatamente. Non si scrive solo per noi, ma anche per gli altri. Raccontandoli, gli si da' il diritto ad esistere.



3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.

Un atto di giustizia dovuta.



4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?

Tutt'altro che semplice. Avrei potuto intitolare il libro in almeno 3-4 modi diversi. E in base al titolo sarebbe cambiata anche l'impostazione.



5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?

Difficile scegliere fra i tanti capolavori della letteratura classica e contemporanea. Tuttavia sarei in buona compagnia con "Memorie di Adriano" di Marguerite Yourcenar. Una splendida opera, che unisce al cesello perfetto della ricostruzione storica il coraggio di presentare a tutto tondo un grande personaggio con le sue fragilità universalmente umane.



6. E-book o cartaceo?

Cartaceo. L'E-book non potrà mai sostituire il fascino di un libro.



7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?

Non ho deciso niente. E' avvenuto così come avviene la vita. Senza programmarla. La vita è qualcosa che capita.



8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?

Più che nascere, si è concretizzato nel corso del tempo, osservando le ingiustizie nel mondo, le nefandezze, gli orrori che mi hanno mosso a sdegno, rabbia e indignazione.



9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?

Dopo una gestazione lunga, si prova un po' quello che si prova quando si da' la vita.



10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?

Strano a dirsi, ma la BookSprint ha letto per prima il mio libro. Mi trovavo all'estero e non c'era nessuno intorno che capisse l'italiano.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Interessante.

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Mercoledì, 07 Gennaio 2015 | di @BookSprint Edizioni

Articoli correlati (da tag)

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)