Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

15 Feb
Vota questo articolo
(3 Voti)

Su e giù per la storia, con la satira di Mario Nirta

L’ultima “fatica” dello scrittore e giornalista calabrese è tra le opere in concorso a “Casa San Remo Writers 2013”

Quando la satira arriva a Roma e ai personaggi biblici, quando l’ironia e la curiosità si lanciano sulla storia e su come essa ci è stata tramandata, quando il lettore si diverte a leggere e lo scrittore a scrivere, allora stiamo parlando di Mario Nirta, brillante e interessante autore satirico, nato a San Luca, in provincia di Reggio Calabria.

“Su e giù per la storia” è un romanzo satirico, storico, ironico, anche un po’ cattivello, che si sofferma principalmente sulle figure cosiddette “maledette” della storia, mostrandole sotto una luce diversa. La storia, secondo l’autore, non è quella che ci viene raccontata a scuola e che noi impariamo come se fosse un cibo precotto, ma è un’altra. Ad esempio, Caino non era poi così cattivo, perché chi era violento era Abele che sgozzava gli agnellini per la maggior gloria di Dio. Sansone, come tutti gli esseri forzuti rappresentati nei film, era un fesso, non era poi un grande intellettuale. Ancora, Caligola non era realmente pazzo, se pensiamo che la sua etichetta si deve al fatto che abbia ammesso al senato il cavallo Incitus, “e allora noi che invece dei cavalli abbiamo mandato al senato tanti somari siamo ancora più pazzi di lui?”.
Amante dell’agricoltura e della buona musica, Nirta sa come scrivere un libro, anche perché giura di ispirarsi alle letture, di cui non perde una virgola, di Voltaire. “Questo mi ha insegnato ad essere tollerante e a stare dalla parte delle streghe quando si accendono i roghi”. Ecco perché “Su e giù per la storia” racconta dell’altra storia, quella che secondo le ricerche dell’autore è la realtà, quella in cui i personaggi che a noi sono arrivati come stereotipi di malvagità erano in realtà poveretti che lo stesso scrittore calabrese ha voluto difendere. “Nei miei libri tutto, tranne le inesattezze” ha detto Nirta perché “a leggere questo libro può sembrare che mi sia inventato le cose, ma quando scrivo, siccome ho il massimo rispetto dei lettori, mi documento e non c’è una virgola inventata”.
Scritto in pochi mesi (circa una settimana a personaggio), vissuto un po’ come se fosse l’ultimo figlio, e studiato da molto “perché faccio ricerche da una vita”, quello che sorprende del romanzo, anche in formato ebook e pubblicato dalla casa editrice BookSprint Edizioni, è il fatto che sia scritto come se l’autore stesse parlando con gli amici al bar, in un rapporto diretto col lettore, col quale scambia battute e risate. Ecco perché “Su e giù per la storia” è un romanzo adatto a tutti, ad un pubblico vasto, anche se Nirta ha voluto indirizzarsi soprattutto verso un pubblico ancora giovane alla lettura, perché “l’uomo adulto abituato a leggere si divertirà, ma accetterà tutto, mentre il giovane, invece, potrebbe trovare qualcosa di nuovo, che potrebbe avviarlo all’amore verso la storia. Con questo libro, magari, il lettore potrà avvicinarsi alla storia, e comincerà a capire che a volte è meglio ragionare con la propria testa che con quella degli altri”.
I prossimi obiettivi dello scrittore e giornalista calabrese? Il risorgimento italiano, “perché nessuno di noi meridionali ha mai avuto il coraggio di dire che siamo stati invasi da Vittorio Emanuele II senza che ci fosse una dichiarazione di guerra”, e Giulio Cesare, sul quale lavora da ormai quasi sei mesi.

Mario Nirta, pur essendo arrivato in finale, purtroppo non sarà presente nel nostro salotto a Casa Sanremo. Per seguire, invece, la nostra avventura a "Casa Sanremo Writers", minuto per minuto, clicca qui

 

Venerdì, 15 Febbraio 2013 | di @Dario D’Auriente

2 COMMENTI

  • Link al commento Roel inviato da Roel

    Il plauso per i prodotti culturali della ns. terra non deve mancare quando essi scaturiscono da tensioni ideali verso prospettive di avanzamento morale, civile, sociale del popoli del Sud.
    Quello che mi sembra mancare, invece, è il sostegno anche economico da parte degli EE.LL., primo fra tutti quello regionale che dispone di un bilancio finanziario non trascurabile. Però i rappresentanti elettivi, anche se di "borsa" avara, sono quasi sempre ai primi posti in occasione di manifestazioni alla ricerca di visibilità. Gradirei un riscontro su queste mie osservazioni, nonchè su eventuali "vie" per sollecitare e ottenere sostegni economici per le opere dell'ingegno. Un saluto, Roel elirs@libero.it

    Lunedì, 15 Luglio 2013 10:40
  • Link al commento Mario Nirta inviato da Mario Nirta

    Pezzo agile, leggero, di ottimo taglio che condensa pareri e sensazioni in righe scritte con buona levità di penna. Peccato per quel "romanzo" che non rispecchia in pieno la qualifica del libro che meriterebbe meglio il nome di "Raccolta ", saggio o biografie. Ma sono imperfezioni, ed anche lievi, che un giovane ha il diritto, se non il dovere, di commettere. Comunque, l'estensore della recensione, dotata di una verve e di una chiarezza non comune, giornalista, lo è ed anche di razza. Speriamo che gli studi non lo guastino, ma se continuerà a rimanere fedeler a se stesso, ciò non succederàdi certo. Complimenti.

    Venerdì, 15 Febbraio 2013 17:23

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)