Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

08 Set
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Gianfranco Manunza

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?

Avendo io ottant'anni suonati, dovrei dire che la mia vita è stata intensa. In realtà non è così, essendo io un uomo di preghiera. Difatti, una persona come me passa i suoi giorni in meditazione, contemplazione e penitenza, spessissimo chiuso in casa. Il fatto che io dipinga o scriva è soltanto un sistema per uscire dalla solita routine quotidiana. Un passatempo insomma. Prima d'essere un uomo di preghiera, ero un universitario.



2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?

Non vi son momenti particolari. Dipende dall'estro che mi pervade. Ma per ciò esso può presentarsi di giorno di notte, quando mangio o quando sono in bagno. Tutti i momenti son buoni per scrivere.



3. Il suo autore contemporaneo preferito?

Se per contemporaneo s'intende moderno, Italo Calvino, Elio Vittorini, Leonardo Sciascia etc etc."



4. Perché è nata la sua opera?

"Zedneh" nasce dall'esigenza di ribadire concetti vecchi come Matusalemme. Però difronte a certi fondamentalismi in cui il fanatismo la fa da padrone, a quanto pare necessita ricordare che spetta a Dio che ci ha dato la vita, levarcela. Chi non ha capito questo è un falso profeta.



5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?

Tantissimo, sebbene in apparenza fossi avulso dalla realtà. In apparenza però, dato che con la televisione, i telefonini, i computers etc. Oggi ciò diventa impossibile, a meno che non si vada a vivere in una lontana foresta, lontana dal contesto civile.



6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?

Per me che non sono uno scrittore realista o verista che dir si voglia, è un'evasione dalla realtà. Un'evasione con messaggio però, come in "Zedneh".



7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?

In "Zedneh" c'è moltissimo di me. Ma qui dovrei scrivere della mia vita privata e ciò non mi va. Benché sia vero che ciascuno ha una vita che si può raccontare ed una segreta, io faccio eccezione.



8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?

Certo: Dio e la fede il Lui.



9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?

Ai miei amici. Loro l'hanno apprezzato enormemente. Spero avvenga lo stesso col pubblico.



10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’e-book?

Non so. Dovrei avere vent'anni e non ottanta per dare una risposta obiettiva.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Anche qui non saprei. Accipicchia! E' così bello leggere il cartaceo, perché vogliamo privarci anche di questo piacere? 




Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)