Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 75

BookSprint Edizioni Blog

17 Set
Vota questo articolo
(0 Voti)

“L’assenza della luce”

Un fine settimana come un altro, un gruppo di ragazzi si dà appuntamento in una masseria solitaria nelle campagne pugliesi. Sembra l’inizio di un week end di allegria e divertimento, ma…. Una insolita nebbia comincia ad avvolgere la vecchia masseria, inghiotte tutto, anche gli stessi ragazzi. È l’inizio di una storia sinistra che scuote come un incubo.

 “L’assenza della luce”, scritto da Fabrizio Leonetti per BookSprint Edizioni(168 pagine anche in versione e-book), è una avventura che lascia col fiato sospeso e tiene incollati dalla prima all’ultima pagina. Si tratta di un romanzo dalle chiare venature horror nel quale le paure e i traumi più profondi dei protagonisti si confondono con le oscure presenze che si manifestano nella masseria.

Tutto comincia un venerdì sera, all’inizio dell’estate del ’96. Un gruppo di amici si ritrova in questa masseria nei dintorni di Monopoli ed attende l’arrivo di Fabio, il proprietario. Il clima è spensierato. Poi, appunto, la nebbia si allunga sui loro destini. Quando Fabio giunge sul posto, dei suoi amici non v’è traccia. Pensa ad uno scherzo e invece la nebbia sinistra inghiotte anche lui. Un anno dopo altri ragazzi si affacciano al cancello di quella masseria ormai abbandonata e messa in vendita. Ma è davvero disabitata come sembra o è l’inizio di un nuovo incubo?

In questa bella prova di grande ritmo narrativo Fabrizio Leonetti mette a nudo paure ancestrali con le quali i protagonisti si trovano costretti a fare i conti. È un guardare negli spazi più profondi di sè, in quegli anfratti oscuri dell’esistenza nei quali si ha paura di affacciarsi per scoprire, infine, come anche il buio della notte ha mille occhi che guardano.

Fabrizio Leonetti lavora in banca, ma le sue grandi passioni sono sempre stati la letteratura, soprattutto quella angloamericana, e il cinema. «Per leggere tutti i libri che mi interessavano – confessa – ho abbandonato l’università». Fabrizio non ha però mai smesso di studiare: ha frequentato la “Scuola di espressione e interpretazione scenica” diretta da Orazio Costa Giovangigli, a Bari, uno stage di regia recitazione con Nikita Mikhalkov e un altro stage sulla scrittura cinematografica, con Suso Cecchi d’Amico. Per dieci anni ha condotto un programma di cinema in una radio privata barese.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Mercoledì, 17 Settembre 2014 | di @

Articoli correlati (da tag)

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)