Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

01 Apr
Vota questo articolo
(8 Voti)

Intervista all'autore - Gianluca Iannelli

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?
Quando io scrivo e rigorosamente con penna su foglio bianco, mi estraneo totalmente dalla realtà. Le frasi, le parole, gli stati d'animo fluiscono in modo naturale, a volte sembra che la penna scorri da sola. Mi sento bene quando scrivo, provo forti emozioni soprattutto di liberazione, lascio libero sfogo al mio cuore, alla mia anima, è un qualcosa in cui mi rifugio da sempre specie nei periodi non troppo positivi, comunissimi a tante persone. Si tratta di una sorta di mia terapia personale che mi accompagna da più di trenta anni ed alla quale non potrei mai rinunciare.
 
2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?
In questo mio primo lavoro è tutto reale, in gran parte ma non nella totalità, si tratta del percorso della mia vita costellato da vari imprevisti, situazioni più o meno piacevoli, è una nuda e cruda umanità che si racconta, piena di emozioni di vario genere, dove una cosa prevale sempre: è scritto tutto con il cuore. Le narrazioni che riporto sono solo una parte del mio cammino, le storie, gli aneddoti riportati sono tutti reali ed hanno notevolmente influito sul percorso passato e successivamente presente della mia vita. Il libro è un raccoglitore di reali emozioni, d'altronde esse sono da sempre la mia linfa vitale e senza le quali saprei poco adattarmi nella vita reale.
 
3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.
Scrivere quest'opera ha rappresentato per me liberarmi di un fardello che custodisco da anni nel mio cuore, nella mia anima; è senza dubbio un'opera catartica dove mi libero di alcuni dei miei segreti più reconditi, sperando che chiunque legga queste pagine possa ritrovarsi in parte o totalmente e magari trarne un minimo di beneficio o quantomeno di speranza in modo da potere uscire da alcune situazioni che spesso e volentieri si tendono comprensibilmente a nascondere, in una società dove purtroppo l'apparire sembra che rappresenti l'unico stile di vita gratificante.
 
4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?
La scelta del titolo è stata la cosa più semplice di tutto il lavoro. Una volta rappresentato a mia moglie, il desiderio, l'idea, il progetto di questo libro, lei, dopo neanche un minuto, essendo l'unica persona che conosce tutta la mia vita, ha deciso di getto " Dentro una Bolla" ed io ho condiviso pienamente ed istantaneamente la sua scelta.
 
5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?
In un'ipotetica isola deserta di getto mi verrebbe da dire sia " I pilastri della terra" sia il suo sequel "Un mondo senza fine " di Ken Follett. Per me, essendo da sempre un appassionato di storia medievale britannica, dove gli intrighi, le passioni, le superstizioni, le guerre, i conflitti religiosi ed ahimè, dato il periodo, anche le epidemie dell'epoca, incastonati perfettamente in paesaggi dove castelli, foreste, monasteri la fanno da padrone, si tratta sicuramente di due capolavori. Entrambi i libri constano di quasi duemilaquattrocento pagine in totale che anni addietro ho divorato in pochissimo tempo, essendo Ken Follett, a mio modestissimo parere, il numero uno per la sua capacità di catturare il lettore dalla prima all'ultima pagina, facendoti sognare, viaggiare, con la semplicità, scorrevolezza e pathos delle sue narrazioni.
 
6. Ebook o cartaceo?
Su questo non ho il minimo dubbio: cartaceo per tutta la vita. Comprendo perfettamente l'evoluzione della tecnologia, ma su questo sono tradizionalista. Devo sentire il fruscio delle pagine, il loro profumo, perdermi nella copertina e nei suoi colori, Insomma, continuare a riempire la mia libreria.
 
7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?
Bè, carriera di scrittore mi sembra una parolona visto che sono solo una persona che tra le varie passioni ha anche quella dello scrivere. Scrivo da più di trenta anni per mio puro diletto ed ho sempre coltivato la speranza di scrivere e veder pubblicato un libro tutto mio. Ora che questo sogno si è concretizzato, sempre grazie alla collaborazione ed all'attenzione che la BookSprint dedica agli autori esordienti, chissà, chi può dire cosa mi riserverà il futuro, di sicuro, libri o non libri, io scriverò sempre.
 
8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?
Il libro è in realtà nel cantiere della mia mente e del mio cuore da svariati anni. Poi, la concomitanza di tanti eventi, lavorativi, familiari, affettivi, ha fatto sì che questo progetto venisse continuamente rimandato ma mai accantonato. Per non parlare poi degli stati d'animo, che a seconda dei momenti, ispiravano più o meno la scrittura. Un aneddoto, se così lo potremmo definire è legato al fatto di aver ritrovato un mio vecchio professore del liceo il quale, casualità ha voluto, insegnasse anche a mio figlio. Scambiando con lui qualche parola circa il libro, mi ha comunque fornito le linee guida iniziali del mio lavoro.
 
9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?
Si tratta di una esperienza nuova, affascinante e coinvolgente. Per chi non ama questo settore è difficile far comprendere l'emozione che si prova una volta che ti trovi tra le mani il tuo lavoro, perfettamente impaginato, ordinato e pronto per essere letto. Una volta avuta tra le mani la prima copia del mio libro, ho provato un'emozione fortissima, una miriade di ricordi mi si sono accavallati e la commozione ha preso il sopravento. In un mondo dove il campo dell'editoria poco spazio lascia alle novità, agli autori emergenti, la BookSprint ha dimostrato una genialità, competenza e sensibilità fuori dal comune.
 
10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?
La prima persona che ha letto il mio manoscritto è stata la mia carissima amica Rosa Vetta, persona di uno straordinario spessore umano e culturale, che senza se e senza ma, ha sempre creduto in questo mio primo lavoro.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
A differenza dell'Ebook, sono letteralmente affascinato dalla versione dell'audiolibro. Ascoltare le narrazioni di un libro, l'enfasi che ne consegue e magari accompagnarle, a seconda dei capitoli, da colonne sonore studiate e coinvolgenti, penso che possano rappresentare emozione pura.
 
 
 
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Altro in questa categoria: « Stanze chiuse Full moon »

7 COMMENTI

  • Link al commento Tiziana inviato da Tiziana

    Ho letto questo libro tutto d’un fiato, un racconto autobiografico in cui lo scrittore ripercorre eventi salienti della sua vita.
    Una lettura piacevole che scorre veloce ma che ci porta a riflettere.
    Complimenti a Gianluca per la capacità che ha avuto di raccontarsi rendendoci partecipi di di gesti gloriosi, ma anche delle sue fragilità che sono proprie della vita di ognuno di noi e nelle quali possiamo ritrovarci. Grazie di cuore. Assolutamente da leggere!!!

    Domenica, 11 Aprile 2021 16:29
  • Link al commento Gianmario inviato da Gianmario

    L'autore risulta uomo di grande spessore culturale e soprattutto umano, racconta con semplicità e chiarezza la sua vita trasmettendo forza e coraggio.

    Venerdì, 02 Aprile 2021 12:24
  • Link al commento Maurizio inviato da Maurizio

    Faccio a Gianluca, mio amico da tantissimi anni, i miei complimenti per il suo bellissimo libro. Leggendolo ho compreso perfettamente la sua passione per la scrittura che gli auguro di portare avanti scrivendo ancora tanti tanti libri.

    Venerdì, 02 Aprile 2021 07:58
  • Link al commento Antonietta inviato da Antonietta

    Poche persone lasciano trasparire la loro anima e il profondo del loro cuore.. E Lui trasmette tutto ciò che è di reale... Complimenti per quello che lei ha lasciato fra qst righe di questo libro.. Molto profondo e pieno di sensazioni che hanno il sapore di sacrificio, emozioni e tanto sentimento.. LA VERA VITA REALE.. DENTRO UNA BOLLA...

    Giovedì, 01 Aprile 2021 23:24
  • Link al commento ottavia inviato da ottavia

    Dopo poche pagine capisci che Paolo è davvero, c’è, esiste. vieni proiettato all’interno del libro. ne diventi protagonista. Ognuno di noi è Paolo. Ognuno di noi ha bisogno del proprio personale riscatto. Perché non c’è vita senza prove e non ci sono prove senza cicatrici... poi sta a noi capirne il senso e trarne linfa vitale.

    Giovedì, 01 Aprile 2021 22:57
  • Link al commento Enrico DAlessio inviato da Enrico DAlessio

    Le parole dell'autore incuriosiscono e lasciano trasparire sincerità e passione, e voglia di comunicare "qualcosa"... Elementi che invogliano alla lettura del testo per scoprire i dettagli di un'esperienza di vita. Condivido, tra l'altro, l'amore per la lettura, per i libri e per la scrittura in formato tradizionale," vechio stampo".
    L'unica cosa da fare a questo punto è leggere il libro....

    Giovedì, 01 Aprile 2021 21:59
  • Link al commento Maurizio Paoloni inviato da Maurizio Paoloni

    “Un raccoglitore di reali emozioni” è la definizione, scelta dall’autore, che indica perfettamente il significato profondo di quest’opera. Chiunque viva la vita con trasporto e con passione non potrà che essere appagato dalla lettura di questa storia di vita vissuta. Ottimo esordio per Gianluca Iannelli!

    Giovedì, 01 Aprile 2021 19:42

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)