Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

02 Feb
Vota questo articolo
(0 Voti)

"L'usignolo e occhi di cielo" di Stefania Chiappalupi, finalista a Casa Sanremo Writers 2019

Stefania Chiappalupi, autrice di "L’usignolo e occhi di cielo" (MReditore), un romanzo storico che riporta ai difficili anni del Fascismo e del dopoguerra, è tra i 12 finalisti in gara per vincere il titolo di Casa Sanremo Writers 2019. 216 pagine per tenere viva la memoria di fatti realmente accaduti durante la seconda guerra mondiale e per lanciare un forte messaggio: dagli errori del passato possiamo correggere il nostro futuro.
 
Trama. Il libro racconta la travagliata storia d’amore di Caterina, umile fanciulla romana, e il giovane e benestante Alessandro che, oltre ad essere un grande ammiratore di Mussolini, sogna di diventare ingegnere. Primogenita di cinque figli di un’umile famiglia romana, Caterina durante gli anni del fascismo viene costretta ad abbandonare gli studi prematuramente per contribuire al sostentamento della  sua famiglia. La ragazza ha un unico desiderio, quello di diventare suora, ma  il convento, dove  aveva inoltrato richiesta  per prendere i voti, la rifiuta in quanto non possiede una dote da donare all’istituto.
Dotata di una grande fede cristiana, accetta la volontà dell’Istituto e continua a cantare nel coro di quest’ultimo, dove fa parte fin da bambina. Durante una celebrazione Eucaristica, la sua voce dolce come il cinguettio di un usignolo, viene notata da Alessandro, che  non appena la vede, se ne innamora pazzamente.  Questi, qualche giorno dopo, le scrive una lettera appellandola “Dolce Usignolo” riferendosi alla dolce melodia della sua voce, che aveva ascoltato tante volte nella corale. I due convolano a nozze e vengono alla luce due meravigliose gemelline. Ma intanto, la guerra avanza e il rischio di essere richiamati alle armi è molto alto. Alessandro non può  sottrarsi al dovere e raggiunge l’esercito senza far più ritorno. È questo ciò che racconta l'autrice, con grande sensibilità e cogliendo sempre al volo l'opportunità di coinvolgere emotivamente il lettore tenendolo incollato dalla prima parola fino all’ultimo punto.
 
Stefania Chiappalupi è nata a Roma nel 1970, diplomata il lingue straniere, presso l’istituto Kennedy di Roma e qualificata in contabilità generale e buste paga di piccole e medie imprese. Scrive  poesie dall’età di dodici anni. Nel 2009 ha ricevuto una Menzione d’onore alla poesia da parte della Minerva di Torino. Dopo la scrittura una delle sue  più grandi passioni è quella di viaggiare. Con il romanzo L’usignolo e occhi di cielo" ha ottenuto il prestigioso riconoscimento internazionale “Il Premio del museo”.
Lunedì, 04 Febbraio 2019 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)