Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

25 Feb
Vota questo articolo
(2 Voti)

Uè Africa! - Diario di un marocchino

In tempi in cui il tema dell’immigrazione è particolarmente sentito e dibattuto, offre un grande spunto di riflessione il romanzo di Youssef El Hirnou. “Uè Africa. Diario di un marocchino” è un romanzo che l’autore pubblica con i tipi della casa editrice BookSprint Edizioni. Questo romanzo si propone come testo non solo informativo ma soprattutto altamente formativo per via dell’argomento trattato. Ciò che aggiunge valore al testo è la sfumatura autobiografica.

L’autore infatti è un ragazzo giovanissimo che attualmente abita e lavora a Moncalieri, la cui vita oggi scorre serena tra famiglia, amici e lavoro, eppure Youssef vive il tormento di chi sembra non appartenere a nessuno stato, nessun popolo. Lui, così giovane e pieno di forza vitale, racconta in modo esaustivo il dramma di chi ha subito sulla propria pelle la cattiveria del pregiudizio. «È strano come il razzismo sia nella mente di chi ha paura di subirlo, mio padre e mia madre avevano la consapevolezza di un’inferiorità che si erano creati da sé, noi dovevamo sempre dimostrare qualcosa in più per essere all’altezza di persone che non facevano neanche la metà di quello che eravamo costretti a fare noi».

Il lettore troverà nelle pagine di questo romanzo quel senso di vuoto che contraddistingue l’uomo déraciné, ossia quell’individuo pervaso dal senso di smarrimento scaturito dall’obbligo ad abbandonare (per le più disparate ragioni) il proprio paese natio. Quello che si legge in “Uè Africa. Diario di un marocchino” è la crisi di identità di un ragazzo che diventa uomo, di chi non si sente riconosciuto né dalla nazionalità di origine e ancora meno da quella che potremmo definire d’adozione, quella dove l’uomo si è formato, è cresciuto e in cui riconosce parte di sé.

La forma narrativa è scorrevole e le parti descrittive, in cui l’autore si esprime attraverso il racconto in forma di diario, alleggeriscono la lettura che quindi corre per tutte le pagine; il lettore, animato dall’interesse per un’esperienza di vita talvolta assai distante dalla propria, conclude la lettura di questo romanzo assai velocemente, recependo chiaramente il messaggio lanciato dall’autore: la necessità e la bellezza nel saper accogliere la diversità di ogni genere.

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Sabato, 25 Febbraio 2017 | di @BookSprint Edizioni

Articoli correlati (da tag)

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)