Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

17 Mar
Vota questo articolo
(2 Voti)

Lasciatemi respirare liberamente

 Nella vita quasi mai nessuno è troppo felice e, quand'anche c'è la felicità, i dolori sono sempre dietro l'angolo. Sembra il pensiero pessimista di una persona che ha subito molte angherie nella vita, ed invece è ciò che è accaduto alla protagonista di "Lasciatemi respirare liberamente", il nuovo libro di Barbara Bertuzzo. Edito per i tipi di BookSprint Edizioni, il volume è disponibile nel solo formato cartaceo della brossure ed affronta l'angoscioso tema delle malattie e della lotta per venirne fuori.

 Nelle 90 pagine dell'opera, che è un racconto autobiografico, emerge così tutta la sofferenza di chi, in un periodo meraviglioso della sua vita, scopre improvvisamente di avere un tumore. Assieme al marito Cristian e al figlio Mattia, alla madre e a tutti gli amici e le amiche (comprese le colleghe parrucchiere), la protagonista del racconto deve affrontare il difficilissimo cammino delle chemioterapie, della radioterapia, del port e degli interventi, che inevitabilmente la modificano, la cambiano, e non sarà facile farsi accettare in primis dal figlio e dal resto della comunità. In più i continui dolori, le sofferenze, le impediscono di trascorrere una vita "normale".

Barbara Bertuzzo, nata a Vicenza nell'agosto del 1979, vive a Camisano Vicentino, sempre in Veneto. Da anni è un'affermata parrucchiera e, nella vita privata, è felicemente sposata e ha un bambino di 5 anni. Non è una scrittrice sin dalla nascita, ma le sue vicissitudini l'hanno portata ad esprimere ed esternare il difficile cammino della guarigione. Scrive perciò per dimostrare che dal cancro si può riemergere, il cancro può essere vinto. Certo, non è facile, ma la speranza non deve mai mancare. Il suo è, cioè, un esempio di chi ce l'ha fatta e di chi adesso, dopo anni di battaglie, può finalmente guardare fuori e respirare l'aria leggera che lo circonda.

Il messaggio che emerge perciò dal libro è la difficoltà delle persone, delle persone malate, di affrontare cure invasive e dolorose e la necessità contemporanea, per tanto, di avere sempre qualcuno vicino che sia pronto a sorreggerle, perché la strada per guarire da un tumore è sempre complicata e mai banale, mai facile.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Martedì, 17 Marzo 2015 | di @Dario D’Auriente

Articoli correlati (da tag)

Altro in questa categoria: « Il dubbio Il destino altrove »

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)