Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

11 Apr
Vota questo articolo
(6 Voti)

Vito Pacelli, per aspera ad astra


>>> Leggi l'articolo in versione integrale

 

«“Zucchero?”. “Sì, naturalmente di canna”». Comincia così l’articolo del Corriere del Mezzogiorno sul nostro editore Vito Pacelli. Una battuta per ironizzare su un passato difficile, quando ormai il peggio è alle spalle. Ma quando si attraversa la notte, bisogna fare i conti col buio tutti i giorni.

«Sorride ammiccante, con lo sguardo pulito e sereno del bravo ragazzo, e tu ti chiedi come sia possibile che lui, proprio lui, possa essere finito nel vortice della droga. Poi ti accompagna nella sua azienda editoriale, in cui ha messo a lavorare ventiquattro ragazzi del territorio, e allo stesso modo ti chiedi come sia possibile che lui, sempre lui, sia stato capace di realizzare tutto questo».

Il pezzo è firmato da Gabriele Bojano, e nasce da un incontro avvenuto qui, a Romagnano al Monte, 400 anime al confine tra Campania e Basilicata. Ma internet non ha territorio, e la Rete può offrire lavoro in qualunque posto, anche qui. Nei paesini dove il disagio esistenziale c’è anche se è meno evidente, perché non vedi gente abbandonata a se stessa per la strada. «La paura di non saper affrontare la vita, di non riuscire a trovare il proprio posto nel mondo porta il giovane Vito a fumare a quindici anni la prima canna. “Ricordo che furono i miei amici a farmi provare, poi iniziai ad associare il fumo ad alcolici e superalcolici e tutto questo mi dava quella forza che non avevo tenevo la siringa d'emergenza che mi serviva quando tutte le farmacie erano chiuse”. Il primo buco a Salerno, in un parcheggio: “Passai all'eroina perché costava meno che sniffare, con un grammo ti bucavi tre volte, conveniva. La droga ormai era diventata il mio tutor, mi dava tutto ciò di cui avevo bisogno, mi faceva sentire la persona più sicura e forte del mondo”».

Il giorno in cui Vito va in overdose di psicofarmaci è il momento in cui la sua vita è a un bivio. Collassa in bagno, a casa sua, a San Gregorio Magno. «“Quando si è in una fase acuta — spiega Pacelli — pensi di automedicarti smettendo con l'eroina e cominciando con la cocaina, poi smetti la cocaina e passi agli psicofarmaci. Cosa che puntualmente feci io rischiando di morire“». I genitori lo mettono di fronte a una scelta: lasciarsi cadere, oppure farsi aiutare. «“Anch'io mi resi conto che avevo bisogno di aiuto, avevo perso tutti gli amici, nessuno si fidava più di me e io stesso non mi rispettavo”».

La decisione si rivela vincente, ma il percorso è tutt’altro che una cavalcata trionfale, e passa per San Patrignano. «A 21 anni e un mese, nel gennaio 1995, Vito entra in comunità e ci rimane quasi quattro anni. […] Esce nell'ottobre 1998 con una sola idea in testa: riscattarsi socialmente puntando su famiglia e lavoro. “Conosco Emanuela, una ragazza acqua e sapone, la sposo e ho due figlie, Maria Concetta, oggi dodicenne, e Maria Elisa di 3 anni e mezzo. E inizio a lavorare in un centro stampa a Buccino, faccio siti Internet”. Però, nonostante tutto, Vito si sente ancora insoddisfatto».

Uscirne non è abbastanza. Non quando nel tuo stesso paese ci sono ragazzi che vivono il tuo stesso inferno. Vito Pacelli si apre agli altri, e diventa una figura di riferimento per chi ha problemi di tossicodipendenza. «“In questi giorni hanno concluso il percorso a San Patrignano tre ragazzi di San Gregorio Magno: Davide, Giovanni e Antonio. Sono orgoglioso di averli accompagnati”. Il giovane che a scuola le prendeva sempre dai compagni più grossi di lui alla fine ha avuto ragione e si è affermato. Senza lasciare la sua terra e, quel che più conta, dando lavoro ai ragazzi del comprensorio».

È il 2010 quando viene concepito il progetto BookSprint Edizioni. «“Chi scrive — osserva Vito — desidera dare una svolta nella propria vita, ecco, la mia casa editrice si rivolge proprio a questi autori, che scrivono per esorcizzare un trauma o per rappresentare un angolo in cui chiudersi ed essere soli con se stesso”». Nuove idee e iniziative non mancano di certo, e lo staff è già pronto. «“Adesso stiamo lanciando gli audiolibri in formato Mp3 per poter leggere ascoltando mentre si fa jogging o si va in bicicletta”. I ragazzi che lavorano alle dipendenze di Vito Pacelli sono tutti under 40, dodici maschi e dodici femmine, che si dividono tra produzione, centro stampa, grafica, ufficio stampa, commerciale, amministrativo e soprattutto nell'ascolto di quanti si rivolgono a loro, autori che hanno già pubblicato e autori che sognano il debutto letterario. E poi ci sono 14 collaboratori esterni tra free lance e correttori di bozze. “Tra di noi ci diamo tutti del tu, sono loro che hanno scelto me e la passione nei loro occhi mi ha convinto più di qualsiasi curriculum”».

Per aspera ad astra, è questa la frase che il nostro editore sceglie per sintetizzare il proprio percorso, ora che, come scrive Bojano, «la canna sta solo nel suo zucchero preferito». 

 

>>> Leggi l'articolo in versione integrale

Venerdì, 11 Aprile 2014 | di @Carmine Morriello

4 COMMENTI

  • Link al commento ROSA MARIA SANINO inviato da ROSA MARIA SANINO

    CARISSIMO VITO, MENTRE SCRIVEVO I MIEI LIBRI CHE POI TU HAI EDITATO STAVO A FIUMICINO DOVE VIVEVO CON MIO MARITO E I SUOI DUE FIGLI EROINOMANI E COCAINOMANI. RICORDO ANCORA QUANDO PORTAMMO IL SECONDO IN COMUNITA' DA DON PICCHI.
    . IL PRIMO ERA GIA' LI' E IO GLI SCRIVEVO TANTE LETTERE
    SONO RIUSCITI A USCIRE DAL NERO TUNNEL E OGGI LAVORANO E SONO DELLE BRAVE PERSONE, A PARTE CHE IO SONO USCITA DA QUELLA CASA POICHE' E' LORO, IL POVERO PASQUALE E' MORTO E IO MI SONO AMMALATA GRAVEMENTE ORA VIVO IN UNA CASA DI CURA E FINALMENTE REALIZZO I MIEI SOGNI CHE SONO QUELLI DI PUBBLICARE I MIEI LIBRI. IL PRIMO L'HO PUBBLICATO CON I MILESI. GLI ALTRI 4 CON TE E ADESSO HO PUBBLICATO :LO SCIAMANO E' IN TE- 1° VOLUME - LA VALLE DEGLI IMMORTALI. MI HANNO FATTO UN'INTERVISTA SU SKI CHE SI VEDRA' A SETTEMBRE E SPERO CHE A SETTEMBRE TU PUBBLICHERAI ANCHE IL MIO-AVATARA VIVENTE E I SUOI DEVOTI. SEII TANTO BELLO E SIMPATICO E PENSO CHE TU CAPISCI QUANDO DICO CHE HO PASSATO 20 ANNI DI INFERNO IN QUELLA CASA. ORA UN FIGLIO SI E' SPOSATO E TROVANDO L'AMORE SI E' MOLTO CALMATO. L'ALTRO VIVE DA SOLO NELLA GRANDE CASA, DOVE NMETTEVO I CANTI IN SANSCRITO MENTRE SCRIVEVO. INSOMMA TUTTO TACE E TUTTO E' TRANQUILLO SONO FELICE E CONTINUO A SCRIVERE.
    TI INVIO L'ABBRACCIO E TANTI BACI COME UNA NONNA. CIAO CARISSIMO

    Giovedì, 17 Luglio 2014 15:23
  • Link al commento francesco inviato da francesco

    Ciao Vito,
    Forza, coraggio e determinazione, queste sono le tue doti. Sei riuscito e uscito alla grande da un tunnel. Hai intrapreso un' altra strada che ti sta portando sempre più in alto.
    Sono uno dei tuoi tanti autori, che appena ha visto la tua faccia sul sito, ha provato fin da subito fiducia e ammirazione. Ho pubblicato con te il libro: Graziella storia di una donna guerriera.
    Ti ringrazio per l'opportunità datami e per il sogno realizzato.
    Francesco

    Mercoledì, 23 Aprile 2014 20:16
  • Link al commento Santolo Cannavale inviato da Santolo Cannavale

    Gent.mo Vito, è bello ed intrigante l'articolo a firma di Gabriele Bojano su Corriere del Mezzogiorno.
    Sono uno dei 1700 autori che hanno scelto BookSprint Edizioni per la pubblicazione del proprio libro. Nel mio caso: "I miei primi dieci anni: 2003-2013".
    La Casa Editrice da te "inventata" ha messo a disposizione lo strumento essenziale, insostituibile per tradurre su carta stampata il singolo progetto editoriale, prima immaginato e poi realizzato.
    Grazie Vito, anche a nome degli altri 1699 autori che, di certo, hanno provato le mie stesse emozioni e la soddisfazione per il lavoro compiuto. Il tutto supportato e reso possibile dalla giovane struttura da te animata ed organizzata.
    Auguri per un futuro pieno di soddisfazioni per te, per la tua famiglia e per i giovani che ti accompagnano in questa appassionante e pagante avventura.
    Sàntolo Cannavale

    Lunedì, 14 Aprile 2014 13:26
  • Link al commento Zaccardelli marilena inviato da Zaccardelli marilena

    Caro Vito , ho letto il percorso difficile che hai affrontato e penso che tu sia stato fortunato ad avere una famiglia che, da quanto ho capito, ti ha aiutato e ti ha protetto da te stesso. Sei stato anche intelligente e nello stesso tempo coraggioso e forte a capire che era
    arrivato il momento di farti aiutare per non cadere in un abisso che ti avrebbe inghiottito per sempre. I libri,
    l'editoria, il lavoro hanno completato l'opera di rinascita! Sei molto giovane e sei stato capace di tanto.
    Ti ammiro e grazie per avermi dato l'occasione di esprimere tutta la mia ammirazione in queste righe. Zaccardelli Marilena

    Sabato, 12 Aprile 2014 20:49

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)