Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

28 Dic
Vota questo articolo
(0 Voti)

Mary, la donna che sapeva

Voglio la taglia. Si intitola così l’articolo che OGGI, periodico settimanale nazionale, ha dedicato alla nostra autrice Mary Pace. Un’intervista uscita in tutte le edicole per raccontare la sua verità, per spiegare perché chiede 25 milioni di dollari, per dire perché ha fatto causa alla Cia.
Il motivo? Semplice. Mary sapeva. Lei conosceva chi si nascondeva ad Havelian, nel Pakistan.

 

Ecco cosa scrive Gino Gullace Raugei, giornalista di OGGI: «Già nella primavera del 2003, una signora italiana, Mary Pace, settantenne di Sgurgola, in provincia di Frosinone, rivelò che proprio lì si nascondeva lo sceicco del terrore, il pericolo pubblico numero uno, ricercato per i tragici attentati dell’11 settembre 2001.
Siccome gli americani […] non vogliono pagare i 25 milioni di dollari (oltre 18 milioni di euro) promessi a chi avesse fornito informazioni utili alla cattura del capo terrorista, la signora Pace ha citato in giudizio i Servizi segreti statunitensi […].
Ma come faceva la signora Mary Pace da Sgurgola a sapere informazioni tanto scottanti? “Perché sono un e agente segreto” ci spiega».
Grazie alle rivelazioni dell’agente Zeta, Guido Giannettini, Mary Pace sapeva dove si nascondeva lo sceicco del terrore. Lo racconta nel 2003 a due agenti della Digos di Frosinone, ma non viene mai interrogata; lo spiega nel 2007 in un articolo su Borghese, ma non accade nulla. A quel punto si mette in contatto con la Cia, e comincia una fitta corrispondenza via mail con un certo Randy, che si conclude nell’ottobre del 2010. «Alla fine gli rivelai il nascondiglio di Bin Laden. “Incredibile, supefacente!”, commentò Randy. Ma poi è scomparso».
Il resto è storia nota. Il 2 maggio del 2011 Bin Laden viene catturato e ucciso, ma per Mary Pace il blitz delle forze speciali Usa è «una sceneggiata». Ad oggi cerca di far valere le sue ragioni per vie legali.
Mary Pace, già intervistata da Le Iene, ha scritto tre libri per BookSprint Edizioni, in cui rivela ciò di cui è venuta a conoscenza in tutta la sua vita.

 

>>>Leggi l'articolo completo su OGGI

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Lunedì, 30 Dicembre 2013 | di @Carmine Morriello

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)