Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

05 Dic
Vota questo articolo
(1 Vota)

RussiaOggi intervista Riccardo di Raimondo


Sono in molti ad essersi interessati alla storia di Riccardo Di Raimondo, reduce del fronte russo, sopravvissuto alla terribile ritirata. Quella voce, rimasta in silenzio per 70 interminabili anni, ha trovato la forza di vibrare per raccontare l’orrore, rivivendolo ancora una volta.
RussiaOggi, inserto di Repubblica, l’ha intervistato pochi giorni fa, ripercorrendo «La lunga traccia del dolore. Dal fiume Don (Russia) alla Polonia, 1.300 chilometri di sofferenza. Di fame, freddo gelido, in ritirata sotto l’assalto dell’esercito sovietico.

Riccardo Di Raimondo, 91 anni, siciliano, è uno dei pochi superstiti italiani della spedizione italiana in Russia durante la Seconda Guerra Mondiale. A distanza di 70 anni, ha scritto il libro “La ritirata in Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)" (Book Sprint Edizioni) per raccontare i cinque mesi - dal dicembre 1942 ad aprile 1943 - vissuti tra neve e gelo, immortalati con una macchina fotografica nascosta tra due bombe a mano. Un inferno bianco, tra morti, fughe disperate, mancanza di cibo, brandelli di amore, nostalgia per l’Italia».

Nell’intervista, firmata da Nicola Sellitti, Di Raimondo racconta quel terribile inverno. «Noi, grappoli umani in fuga con i soldati russi che ci sparavano alle spalle. […] In una circostanza dei soldati volevano farmi cadere: io ero aggrappato al retro e li minacciai con una bomba a mano, via io, tutti morti. […] Mai avrei potuto immaginare tutto questo». Ma anche in quel viaggio senza speranza, c’è ancora spazio per l’umanità: «Non dimenticherò mai la coppia di anziani che salvarono la vita a me e un altro soldato della mia divisione che stava morendo per polmonite. Ci preparavano da mangiare, ci coprivano e piangevano. In lacrime per i propri ragazzi».

Poi il ritorno in patria, in un’Italia devastata, e i lunghi anni di oblio. Ma sua nipote, Liliana, chiede al nonno di tornare in quelle distese bianche, e raccontare. «Piangevo mentre scrivevo, rivivendo il dolore di quell’inferno». Sotto la neve e i campi di papaveri, i suoi compagni lo ringraziano.

 

>>>Leggi l'articolo su RussiaOggi

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Giovedì, 05 Dicembre 2013 | di @Carmine Morriello

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)