Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

26 Nov
Vota questo articolo
(1 Vota)

“Peccati di gola” chiama Lorenzo Bracco

Alla scorsa Peccati di gola, 3 giorni sull'alimentazione organizzata a Mondovì, in provincia di Cuneo, Lorenzo Bracco ha presentato il suo libro “Anoressia – I veri colpevoli”. Il testo, uscito per BookSprint Edizioni nel 2012, ha vinto il Premio Cesare Pavese per la sezione Medici Scrittori «C’è una parola che accomuna il medico al cuoco. La parola chiave di entrambi è “ricetta”. Significa mettere assieme delle cose diverse che raggiungono una sinergia.

Ma questa sinergia si raggiunge con lo stile di vita. Non si può parlare di una dieta se non si parla anche di uno stile di vita».

 


La presentazione del volume si è svolta nell'ambito del seminario il piacere quotidiano di una sana nutrizione. «Nel libro sull’anoressia io faccio riferimento a molte cose, anche a nutrirsi “come Dio comanda, cioè in modo godurioso. Il concetto che viene portato avanti è che il reiterare lo stesso tentativo di soluzione diventa la causa strutturante del problema. Paradossalmente, una madre molto preoccupata perché la figlia non mangia continua a ripeterle mangia. Ma a quell’età se si continua a ripetere le cose, a un figlio adolescente, che è in una fase oppositiva, probabilmente raggiunge il risultato contrario a quello che vorrebbe ottenere».
In “Anoressia – I veri colpevoli”, Lorenzo Bracco propone una nuova teoria per la spiegazione della malattia. «Per la mia esperienza, mi sono accorto che il gruppo sanguigno ha una qualche influenza a livello dietetico». Secondo i dati clinici cui l’autore fa riferimento, infatti, in questo disturbo del comportamento alimentare c’è una costante: la figlia non ha mai lo stesso gruppo sanguigno della madre.

 

 

Martedì, 26 Novembre 2013 | di @Carmine Morriello

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitĂ .
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)