Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

26 Nov
Vota questo articolo
(1 Vota)

TelEtruria intervista Alberto Chiodini

Le telecamere di TelEtruria sono arrivate da Alberto Chiodini, l’autore che ha pubblicato per BookSprint EdizioniLa Mantide religiosa”. Non nuovo al mondo della scrittura, con questo lavoro Chiodini è al suo primo romanzo.
«È un noir dal titolo un po’ inquietante», racconta ai microfoni l’assessore del comune di Capolona, Monica Baccianella.

«La protagonista è una donna. Nel libro la sua vita viene messa sotto i riflettori dall’infanzia sino alla sua vita di moglie di un ricco orafo. Fino ad arrivare ai giorni nostri, quando l’agiatezza economica si riduce».
«Il romanzo gira intorno alla voglia che ha la gente di essere famosa», spiega Alberto Chiodini. «Molti sono affascinati in modo perverso da certe trasmissioni televisive. Ma il libro è stato scritto anche per reclamare il diritto delle donne a essere protagoniste».

L’autore della “Mantide” ama molto il suo territorio, e ha scritto diversi lavori dedicati proprio all’aretino. Col suo primo romanzo si misura con una tematica completamente diversa. «Ho sempre avuto un moto di difesa verso la donna, soprattutto in questo periodo in cui si verificano tanti episodi di violenza contro di loro. Questo mi ha dato la spinta per la scrittura. La donna – e questo dal libro emergenon dipende dall’uomo, ma è una persona» libera e indipendente.
In occasione della presentazione, è intervenuta anche Giovanna Daneusig Rossi. «La protagonista rispecchia molte altre donne, cha hanno avuto tanto, lavorando, e che oggi si ritrovano in un momento di crisi. Riuscire a tenere unita la famiglia forse può salvare; la ricerca delle cose semplici e dei valori familiari».

Il romanzo è scritto in maniera snella e accattivante, con un ritmo sostenuto che incalza il lettore. Il testo nasconde una profonda riflessione sulla tematica della popolarità e della corsa morbosa alla spettacolarizzazione delle tragedie, di cui siamo allo stesso tempo vittime e autori.
Proprio pensando alla scrittura e alle sue passioni, Alberto Chiodini invita «chiunque a dedicarsi a un qualcosa. Si sentirà più vivo, con voglia più di fare. E quindi il tempo è speso bene».

 

 

Mercoledì, 27 Novembre 2013 | di @Carmine Morriello

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)