Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 64

BookSprint Edizioni Blog

14 Nov
Vota questo articolo
(1 Vota)

Vanda e Giacomo: come l’amore gli ha salvato la vita

Ospiti della puntata di stamattina di UnoMattina, all’interno della rubrica “Storie vere”, Vanda Maggi e Giacomo Cappello, accompagnati rispettivamente da Daniele e Giulia, hanno raccontato come l’amore li ha salvati dalla spirale di violenza in cui erano finiti.
Vanda Maggi, autrice del libro “La mia vita… se così si può dire” ha raccontato la sua storia di abusi sessuali, subiti dentro e fuori il collegio in cui il padre la rinchiuse subito dopo la perdita della mamma.

La piccola Vanda subisce in silenzio le violenze dei religiosi, non batte ciglio neanche quando i suoi familiari la vendono a degli sconosciuti e quando poi, convinta di cambiare vita, sposa il suo primo marito, per lei comincia un altro calvario. Tradita da costui è costretta a crescere da sola suo figlio, e a combattere contro i problemi di salute di quest’ultimo. Daniele arriva nella vita di Vanda come una benedizione. Innamorati e sposati ormai da 23 anni, ogni giorno Daniele cerca di far dimenticare a sua moglie tutto quello che ha passato, accettandola così com’è, con tutta la sua dura storia, cercando di regalarle quella felicitĂ  di cui è stata privata per molto tempo. 
Giacomo Cappello, 26 anni, è autore di “Un pugno sul naso”, un libro autobiografico che ha per protagonista Giaco, il suo alter-ego. Cresciutosi da solo, Giacomo fa presto i conti con la droga e con la strada, che lo portano a vivere esperienze molto forti, concentrate in pochissimo tempo. Dopo la droga, problema da cui si allontana “da solo”, giocando pericolosamente col metadone, Giacomo comincia ad allenare il suo fisico oltre ogni limite, finchĂ© decide che i pesi e la boxe sono troppo poco e si butta nel “Vale Tudo”, una forma di lotta in cui, appunto “Vale Tutto”, calci, pugni, morsi, ecc. Comincia così, per lui, la vita di lottatore clandestino, chiuso a combattere in gabbie circondate dal filo spinato, in cui vince chi non muore o riesce a non svenire. Giulia in tutto questo gli sta accanto, mentre Giacomo ricerca il proprio individualismo, prima vivendo ai margini della societĂ  e poi, finalmente, canalizzando le sue energie verso la pittura e la scrittura.

Due storie forti ma anche due testimonianze su come un sentimento profondo, come l’amore che Vanda e Giacomo ricevono dai propri compagni, possa veramente cambiare il corso di una vita che sta uscendo fuori dai binari.

 

 

 

 

 

 

Lunedì, 06 Maggio 2013 | di @

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitĂ .
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)