Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

17 Set
Vota questo articolo
(3 Voti)

Il nostro autore Maurizio De Vito a "Nel cuore dei giorni". Scoprilo su TV 2000

È il simbolo di una società senz’anima, che ti calpesta e ti lascia inerme sull’asfalto. Si chiama Maurizio De Vito, ed è un uomo di cinquant’anni che ha perduto tutto. Sposato e con due figli a carico,  a causa della malattia si ritrova a quarantacinque anni senza lavoro, in balia del vortice della crisi economica. “Nel cuore dei giorni”, programma dell’emittente TV 2000, ha voluto averlo lì, sulla poltrona al centro dello studio, davanti alle telecamere, per spiegare all’Italia com’è possibile che un padre di famiglia si ritrovi ai margini della società. Praticamente un clochard in giacca e cravatta. L’impossibilità di rialzarsi, la frustrazione di essere troppo vecchio per un nuovo lavoro e troppo giovane per la pensione, abbandonato nella terra di nessuno, espulso da un sistema in cui, per lui, non c’è più posto.

Maurizio De Vito cade in depressione. La sua vita si svuota, e così la sua casa, un pignoramento dopo l’altro. Via il divano, via la televisione.
«Ero preoccupato per mio figlio. Ogni giorno, tornando da scuola, guardava il suo programma preferito. Ma quel giorno, appena entrato, guarda il posto vuoto della televisione mi dice: “Sai papà, mi ero stufato di quel programma”. Allora ho capito che l’energia c’era, che ce la potevamo fare».
La sua storia è diventata un libro, intitolato “Non smettere mai di sognare”, pubblicato da BookSprint Edizioni. L’esercizio di scrivere non è fine a sé stesso, come racconta lo stesso autore ai microfoni di TV 2000: «Io ho avuto una ripresa nella notte in cui ho iniziato a scrivere il mio primo libro. È stato un momento di disperazione talmente forte, che ho sentito il bisogno di raccontare quel che mi era successo».
Maurizio sente di aver toccato il fondo, ma scrivere lo aiuta a guardare in faccia il problema, e ad affrontarlo. È il primo passo. Da lì in poi il sostegno della famiglia sarà fondamentale. Insieme hanno la forza di resistere, il coraggio di non esplodere. «La nostra grande forze è restare sempre uniti. Nei momenti peggiori, la forza più grande l’ho attinta dalla mia famiglia, guardando i miei figli, cercando di reagire per loro».

Maurizio ce l’ha fatta. Dopo un lungo cammino è riuscito a trovare lavoro come ragioniere, e non ha più abbandonato la preziosa compagnia della scrittura. Il suo secondo libro, “Io sono il nuovo povero”, anch’esso pubblicato per la nostra casa editrice, racconta cosa sarebbe successo se Maurizio De Vito non si fosse mai rialzato. Dalle sue pagine emerge una nuova figura nata con la crisi economica. Non più il senza tetto con la barba lunga, che chiede le elemosina e dorme avvolto nei cartoni, ma la povertà ben vestita e dignitosa  – e per questo ancor più difficile da sopportare – di chi è costretto a fare finta che sia tutto come prima, anche se la spesa la fai coi centesimi contati e stanno per staccarti gas e luce.
L’eco dei suoi scritti è arrivato fino a Radio Vaticana. Anche qui, Maurizio si è aperto senza riserve, raccontando la sua disperazione e la sua ripresa. E proprio grazie alla Radio scopriamo un ulteriore aspetto della sua personale rinascita, che è arrivata con «la consapevolezza di avere una grande forza interiore, […] tolta dalle macerie della sofferenza. Questa forza interiore è grande e viene dalla fede: da una fede forse ritrovata, forse riscoperta, non lo so. [...] Non sono mai stato, prima, il perfetto cattolico; però, a questo punto, in questo momento della mia vita, ho incontrato la fede».

 

 

 

 

 

 

 

Venerdì, 20 Settembre 2013 | di @Carmine De Vita

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)